IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Restyling completato inaugurata piazza Corradini a Vado Ligure

Ultimato anche il restauro di Villa Groppallo, oggi museo, fu costruita nel 1693 e ampliata nei primi decenni del ‘700

Vado Ligure. Conclusi i lavori di riqualificazione per piazza Corradini che è stata inaugurata dal sindaco Monica Giuliano e dalle autorità civili e militari. L’intervento ha interessato la piazza dell’ex stazione ferroviaria di Vado Ligure.

Sono state ridisegnate le aiuole con il nuovo percorso pedonale all’interno e completato il rifacimento dei marciapiedi. Al centro spazi verdi, mentre sul lato prospiciente la via Aurelia è stato collocato un elemento commemorativo per ricordare la ferrovia e l’ultracentenaria fabbrica delle locomotive elettriche di Vado Ligure. Del vecchio parcheggio, che prima occupava l’intera piazza, restano 44 posti auto e 8 posti per le moto.

La larghezza minima delle nuove corsie di transito intorno alla piazza sarà è dii 5 metri. L’arredo dei nuovi spazi verdi ha previsto in totale 30 palme con 170 mq di superficie a prato, e aiuole con arbusti di rosmarino, lavanda e timo per un totale di 360 esemplari.

piazza corradini vado ligure

Ultimato anche il restauro di Villa Groppallo, oggi museo, fu costruita nel 1693 e ampliata nei primi decenni del ‘700, quando divenne una vera a propria villa. A metà del XIX secolo la villa venne acquistata dalla famiglia Gropallo, nome poi storpiato in quello attuale. Nel 1973 il Comune di Vado Ligure acquistò la villa che, dopo i primi lavori di restauro, dal 1982 è diventata sede della pinacoteca e della biblioteca. Con i lavori, sostenuti da fondi europei, è stata trasformata in vero e proprio museo, con collezioni archeologiche, scultoree e pittoriche. Nelle sale, divise in tre colori, ci sono statue di Arturo Martini, artista internazionale e orgoglio vadese al quale è dedicata un’intera area, e dell’allievo Raimondi, i lasciti di Don Queirolo e ancora le opere vincenti del “Premio Vado” istituito negli anni 50.

Assieme al museo è stata risistemata, al piano superiore, la biblioteca civica, che è raggiungibile con un ascensore esterno che dal giardino può portare i disabili sia al primo piano sia sul terrazzo della biblioteca stessa. Sistemate anche le aree esterne, con molto verde, nuovi percorsi pedonali. Aiuole, siepi, nuova illuminazione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.