IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, il M5S: “Investiamo sui parchi: lo sviluppo attraverso l’ambiente è possibile”

"Le istituzioni devono controllare, presidiare e tutelare la natura, il paesaggio e il territorio collaborando anche con chi vi abita"

Regione. “Il presidente Toti ci dice che i parchi devono essere enti che fanno solo marketing e non enti di controllo. E allora abbiamo un bel problema, visto che evidentemente non si conosce neppure la legislazione vigente”.

A dirlo sono Francesco Battistini e Andrea Melis, portavoce MoVimento 5 Stelle in consiglio regionale, che aggiungono: “I parchi possono anche essere un volano per l’economia, è verissimo, ma per esserlo devono poter essere strumento di tutela del territorio: solo così potranno rappresentare un ottimo sponsor per la Regione e per la sua economia. Detto ciò, le istituzioni, ed in particolare gli Enti Parco, devono controllare, presidiare e tutelare la natura, il paesaggio e, appunto, il territorio collaborando anche con chi vi abita. Altro che fare solo marketing!”

“Turismo, cultura, economia, attività umana in genere devono e possono convivere con l’ambiente, il territorio e la loro tutela. E i parchi devono fare anche questo: tutelare il territorio, perché solo con un rilancio del nostro ambiente potremo sicuramente trarne un vantaggio economico importante. Non sempre investire significa ‘spendere’, né tagliare ‘risparmiare’: investire sui parchi è investire bene i soldi della nostra Regione”.

“I parchi sono oggi uno strumento collante soprattutto per le comunità dell’entroterra. Con la soppressione delle comunità montane e la residuale competenza delle provincie, gli enti parco sono strumenti di collaborazione per le piccole comunità che hanno la possibilità di contribuire allo sviluppo del territorio. È evidente che debbano essere amministrati bene, come qualunque ente pubblico, ma metterli in discussione aprioristicamente è sbagliato. Come sarebbe sbagliato non condividere ogni intervento con le comunità che abitano nelle aree parco”, concludono Battistini e Melis.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.