IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, Costa: “Snellite le procedure in materia di urbanistica, edilizia e attività produttive”

"Migliorano le condizioni di operatività dei Comuni e l’attività edilizia riceverà un nuovo impulso, senza ulteriore consumo di suolo"

Regione. Questa mattina la 4^ commissione territorio ambiente ha approvato il disegno di legge numero 96 della giunta regionale proposto dall’assessore all’urbanistica Marco Scajola e riguardante le “Prime disposizioni in attuazione della legge regionale sulla crescita”, con il voto favorevole della maggioranza di centrodestra e l’astensione dell’intera minoranza (Pd, Movimento 5 Stelle e Rete a Sinistra).

Soddisfatto il presidente della commissione, Andrea Costa (Gruppo Misto-Liguria Popolare) che spiega: “Il testo introduce una serie di semplificazioni alla normativa vigente in materia di edilizia, urbanistica e del paesaggio che migliorano le condizioni di operatività dei Comuni, che hanno competenza in questi settori, riducendo i tempi e le inutili lungaggini”.

Continua il consigliere: “I Comuni potranno agire in tempi più stretti, senza incertezza, a tutto vantaggio dell’attività edilizia che riceverà senza dubbio un nuovo impulso, in particolare per quanto riguarda le ristrutturazioni e gli ampliamenti volumetrici degli edifici produttivi, senza consumo di nuovo suolo”.

Puntualizza Costa: “Ritengo che questa legge vada incontro alle esigenze dei cittadini ed imprenditori che spesso si scoraggiano di fronte ai mille adempimenti burocratici e a tempi lunghissimi da affrontare prima di poter iniziare i lavori”.

Il nuovo testo introduce la possibilità per i Comuni, il cui piano regolatore o piano di fabbricazione preveda l’obbligo di preventiva formazione di strumenti urbanistici attuativi, di scegliere in alternativa la formula del “rilascio del permesso di costruire convenzionato”, mantenendo quindi la possibilità di convenzionare l’esecuzione di opere di urbanizzazione di interesse del Comune, ma con un procedimento amministrativo più semplice.

E’ prevista un’azione generalizzata di semplificazione del procedimento di approvazione del nuovo Piano Urbanistico Comunale ed un ampliamento delle competenze dei Comuni nella gestione del Puc stesso, mediante la riduzione delle competenze regionali nell’approvazione di modifiche allo stesso Piano. Sempre in materia di Puc sono stabiliti in maniera univoca gli elaborati che compongono il progetto del Puc medesimo, in modo da dare ai Comuni certezza sugli atti necessari e ridurre la discrezionalità della Regione, delle Province e della Città Metropolitana nelle richieste di integrazione.

Per i Comuni dotati di piano regolatore generale o di programma di fabbricazione è introdotta la possibilità di proporre accordi di programma per interventi di riqualificazione urbana con valenza di interesse pubblico.

Per quanto riguarda la legge dei sottotetti si attribuisce ai Comuni la competenza nell’approvazione della disciplina per il recupero dei sottotetti di edifici esistenti realizzati tra il 2001 ed il 2014. Si prevede quindi l’estensione dei benefici della legge.

Sono attribuite ai Comuni le competenze sulla determinazione delle sanzioni per opere abusive per le quali non sarà più necessaria la stima da parte dell’Agenzia delle Entrate, sezione territorio, come d’altra parte previsto dalla normativa statale.

Per quanto riguarda le attività produttive, per gli interventi non conformi ai piani urbanistici, si stabilisce l’obbligo di acquisire l’assenso del consiglio comunale ad inizio procedimento anziché alla fine, come attualmente previsto , in modo che la volontà comunale costituisca il presupposto per l’approvazione dei progetti.

Sempre in tema di attività produttive, sono resi più flessibili i parametri urbanistici di riferimento (introduzione di una franchigia di 6 metri per incrementare l’altezza delle costruzioni) per approvare i progetti in deroga alla disciplina urbanistica per l’ampliamento di edifici produttivi esistenti, riducendo così il ricorso a procedure di variante al piano urbanistico. Fermi restando i tempi dei procedimenti, come richiesto dai Comuni .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.