IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Profughi a Calizzano, sopralluogo all’albergo Lux. Il sindaco: “Necessaria una progressiva diminuzione nell’accoglienza”

Durante la tradizionale Festa d'Autunno a tenere banco ancora la questione dei migranti e delle soluzioni richieste per la gestione dell'emergenza

Calizzano. Tanta gente e tanti visitatori, come ogni, anno, per il tradizionale appuntamento della Festa d’Autunno a Calizzano, ma a tenere banco è stata la vicenda dei profughi e la polemica divampata nei giorni scorsi per la richiesta del sindaco Pierangelo Olivieri di “vietare” i bus ai migranti nelle ore di massimo afflusso degli studenti verso le scuole.

Il primo cittadino ha parlato della questione con tutti gli ospiti istituzionali invitati alla Festa d’Autunno, in primis il vice prefetto vicario Fabrizio Trioli e il presidente di Legacoop Mattia Rossi, presidente anche del Faggio di Savona che gestisce la struttura di accoglienza dei profughi presso l’Albergo Lux: presenti anche numerosi sindaci e i consiglieri regionali Angelo Vaccarezza e Andrea Melis, oltre al direttore di Anci Liguria Pierluigi Vinai (con l’Anci che si era subito schierata a difesa del sindaco di Calizzano accusato di razzismo).

“Non volevo assolutamente che si sollevasse tutto questo polverone mediatico su una mia richiesta che non è altro che di buon senso e ragionevole rispetto all’attuale situazione che viviamo a Calizzano: ringrazio quanti oggi mi hanno dimostrato ancora una volta la loro stima e la loro vicinanza non solo per la mia richiesta, ma anche per come sia necessario affrontare l’emergenza profughi che riguarda i nostri territori”.

“Ho trovato grande disponibilità da parte della Prefettura e del Faggio, assieme abbiamo fatto un sopralluogo nella struttura e valutato la situazione. E’ chiaro che per noi, per una comunità piccola come la nostra, avere 40 migranti rimane un problema: per questo, domani, anche a seguito della precedente riunione svolta nei giorni scorsi, ufficializzeremo la nostra richiesta per una progressiva diminuzione del numero di migranti ospitati a Calizzano, in relazione alle esigenze di sicurezza e ordine pubblico della nostra comunità” aggiunge il primo cittadino calizzanese.

Tra l’altro, proprio tra ieri e oggi presso l’albergo Lux c’è stato un avvicendamento di almeno una decina di profughi, alcuni trasferiti in un’altra struttura valbormidese e altri arrivati a Calizzano: “Ripeto ancora una volta che la richiesta avanzata per i bus del mattino è una soluzione di un buon senso al serio problema di sovraffollamento, mantenendo massima disponibilità e dialogo tanto con la Prefettura quanto con il Faggio per gestire al meglio l’accoglienza e i temi dell’immigrazione. Auspico tuttavia che la nostra richiesta di alleggerimento possa trovare ora riscontri positivi” conclude Olivieri.

Tra gli attestati di stima ricevuti dal primo cittadino di Calizzano nel corso della Festa d’Autunno c’è stato anche quello del sindaco di Tovo San Giacomo Alessandro Oddo: Mi ha fatto molto piacere l’invito del sindaco Pierangelo Olivieri anche perché ho avuto la possibilità di esprimergli tutta la mia solidarietà al termine di un periodo dove, ingiustamente e con estrema superficialità, è stato tacciato di razzismo e di voler attuare l’apartheid nella sua comunità. Oltre ad essere un amico, Pierangelo è anche un bravo amministratore che insieme a tanti altri in Italia viene chiamato ad affrontare problematiche ed a trovare soluzioni che dovrebbero essere affrontati con modi e strumenti diversi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.