IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovi volontari Aib al corso di formazione del gruppo di Boissano, Toirano e Loano

Al corso partecipano 40 volontari: di questi, 23 provengono da altri gruppi e organizzazioni del savonese

Boissano. Si concludono oggi i primi due giorni del corso di formazione di base per i volontari dell’antincendio boschivo organizzato dal gruppo intercomunale di protezione civile di Toirano, Boissano e Loano. Il seminario si è tenuto ieri e oggi presso la sala polifunzionale della protezione civile a Boissano. Altre due giornate di corso si terranno tra due settimane, il 15 e il 16 ottobre.

Il gruppo Aib di Toirano, Boissano e Loano ospita il corso di formazione dei volontari della provincia

Al corso partecipano 40 volontari: di questi, 23 provengono da altri gruppi e organizzazioni del savonese. E’ prevista una parte teorica ed una pratica per un totale di 32 ore suddivise in quattro giornate con sessioni continue mattutine e pomeridiane e con prova pratica ed esame finale.

Durante i quattro giorni si parlerà di normativa sulla sicurezza, del sistema regionale di protezione civile e antincendio boschivo, degli scenari di rischio, dell’autoprotezione, dell’uso di dispositivi di sicurezza e verranno fornite nozioni di primo soccorso.

Il gruppo Aib di Toirano, Boissano e Loano ospita il corso di formazione dei volontari della provincia

I volontari del gruppo intercomunale parteciperanno al corso in sostegno ai formatori regionali Aib. Fra di loro c’è il responsabile delle funzioni di protezione civile di Toirano, Boissano e Loano Antonio Mattiauda: “La nostra iniziativa ha avuto un’altissima affluenza da parte di volontari che hanno seguito gli interventi con grande attenzione – spiega – Il seminario è stato condotto dagli istruttori formati lo scorso anno da Regione e Comuni e questo ha consentito di impartire lezioni più snelle e vivaci”.

Per questa mattina il programma del corso prevedeva una lezione di topografia e cartografia: “Grazie alle nuove strumentazioni in possesso del nostro gruppo, i volontari hanno imparato ad usare il Gps e hanno preso familiarità con le operazioni di spegnimento tramite le dotazioni manuali, cioè quelle che attaccano il fuoco direttamente senza l’ausilio degli aerei. Nel pomeriggio, invece, hanno potuto visionare i mezzi dell’Aib in dotazione ai Comuni”.

Il gruppo Aib di Toirano, Boissano e Loano ospita il corso di formazione dei volontari della provincia

Un parco strumentale che presto potrebbe anche ampliarsi: “Il nostro gruppo ha partecipato ad un bando regionale che ha permesso di ottenere fondi per 7 mila e 200 che saranno destinati all’acquisto di attrezzature e dispositivi di protezione individuale”.

Il secondo fine settimana vedrà come docenti gli uomini del personale del corpo forestale dello Stato: “Sabato tratteremo la teoria delle tecniche operative di spegnimento e nozioni sulla vegetazione, domenica mattina ci sarà la prova pratica e domenica pomeriggio l’ultima esercitazione”.

Protezione Civile Toirano Boissano Loano

L’idea del corso nasce dalla necessità di formare i 23 nuovi volontari reclutati con il bando pubblicato quest’estate: “Abbiamo 17 aspiranti volontari Aib – spiegano dal Gruppo – L’offerta formativa regionale è in grado di preparare circa 4-6 addetti per ogni gruppo od organizzazione di protezione civile. Per questo motivo, le tre amministrazioni comunali hanno proposto al coordinamento provinciale di condividere sia le spese che l’organizzazione del corso base Aib”.

Protezione Civile Toirano Boissano Loano

“Oltre ad essere un’iniziativa ‘pionieristica’ – spiegano ancora dal Gruppo – la collaborazione fra i Comuni di Toirano, Boissano e Loano ed il coordinamento provinciale di protezione civile manifesta la consapevolezza dell’importanza di poter contare su personale specializzato nella prevenzione e nella lotta agli incendi boschivi”.

Protezione Civile Toirano Boissano Loano

“L’impegno delle amministrazioni nel campo dell’antincendio boschivo e della protezione civile in generale è supportato da un’organizzazione strutturata che si regge sulle attività dei volontari che spaziano dagli ambiti operativi a quelli tecnici e burocratici – dicono dai tre Comuni – Le amministrazioni ed il responsabile ritengono doveroso evidenziare l’impegno di tutti i volontari, con particolare riferimento a Antonio Garrì e Andrea Colombo rispettivamente referenti di protezione civile e antincendio boschivo, nella condivisa consapevolezza che i risultati ottenuti dal gruppo rappresentano il miglior riconoscimento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.