IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nella stazione di Andora regna il degrado, nessuno sposta i detriti della frana del treno

La Procura firmò il nulla osta per la rimozione di pietre e terriccio trasferite sul binario morto dove a due anni di distanza spuntano i topi e sporcizia

Andora. Due anni senza che nessuno abbia mosso una foglia. I detriti della frana di Capo Rollo che durante l’alluvione del 2014 fecero deragliare l’Intercity Milano-Ventimiglia sono ancora accatastati nei pressi della stazione ferroviaria di Andora. Una montagna di fango e di terra dal quale gli abitanti della zona assicurano di aver visto, soprattutto la sera, anche grossi topi gironzolare in zona a caccia di cibo.

“Una situazione di degrado a pochi passi dal centro e soprattutto un pessimo biglietto da visita per chi arriva in treno ogni giorno ad Andora”, afferma Giuliana Lenzi, che vive col marito in una seconda casa con vista sulla montagna di pietrisco e di terra.

Riavvolgendo il nastro si scopre che esattamente un mese dopo lo smottamento franoso di Rollo, con la montagna sovrastante i binari sotto sequestro, si era cominciato a lavorare per spostare la frana e il treno deragliato. L’allora procuratore Francantonio Granero aveva firmato il nulla osta per l’ingresso nell’area di tecnici ed operai per la rimozione dei detriti finiti lungo la linea. Uno sgombero necessario per ripristinare i collegamenti ferroviari interrotti da ponente a levante.

stazione andora

Alla stazione di Andora era stato predisposto un convoglio ferroviario che aveva poi raggiunto la zona della frana. Era stato utilizzato per trasportare la terra e le rocce rimosse dai binari. Tutto era stato spostato alla stazione e lì è rimasto senza che nessuno protestasse. O meglio le lamentele sono arrivate dagli abitanti della zona. La speranza è quella che l’amministrazione comunale possa fare la voce grossa contro Rfi-Trenitalia per risolvere una situazione che dura da due anni e non ha trovato soluzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Non basta presentare sempre e comunque Andora con il suo mare e la sua costa ( bellissimi )
    Bisogna mostrare anche questa triste e vergognosa realtà di modo che le autorità competente si diano una mossa.