IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Matteo Iachino campione del mondo, Carlo Cottafavi: “Questo è il risultato della sua dedizione e del suo impegno”

E' il primo italiano a vincere un titolo nel circuito professionisti

Albisola Superiore. Ieri è stato un giorno storico per il windsurf italiano. Matteo Iachino, numero velico ITA-140, è il primo italiano a vincere il titolo di campione del mondo PWA Slalom, il circuito dei professionisti.

L’atleta dell’AICW, Associazione Italiana Classi Windsurf, ha preceduto in classifica il francese Pierre Montefon e l’inglese Ross Williams.

Il nome di Iachino entra così nel breve elenco di leggende del windsurf mondiale insieme a nomi di mostri sacri come Naish, Albeau, Buzianis, Dunkerbek, Pritchard.

Il percorso che lo ha portato a trionfare nella specialità principe del windsurf (una competizione a batterie dove l’obiettivo è tagliare il traguardo prima degli avversari alla fine di un percorso di boe su andature portanti), lo ha visto vincere tre tappe, Sud Corea, Danimarca e Germania, ottenere un quarto posto a Fuerteventura, alle Canarie, e un settimo in Costa Brava, Spagna.

Poi il nulla di fatto nell’ultima tappa di La Torche, in Francia, nell’ultima settimana di ottobre, per mancanza di vento, dove gli sarebbe bastato un quarto posto.

Iachino (Starboard / Point-7), 27 anni, è un’atleta della Lega Navale di Albisola, e già l’anno scorso aveva sfiorato il titolo mondiale professionisti, con un terzo posto finale. Prima di lui solo il compianto Alberto Menegatti, scomparso agli inizi del 2015, aveva fatto meglio con un secondo posto.

Da sottolineare anche, tra i primi dieci, la presenza di un altro italiano, Andrea Cucchi, ITA-1, mentre Bruno Martini si è piazzato al 23° posto. Al 22° posto invece si è piazzato l’italianissimo Malte Reuscher, che però per motivi di sponsor, non avendone trovati in Italia, corre nel PWA per la Germania (mamma tedesca) con il numero velico Ger-7777.

E’ il giorno che tutti noi – commenta il presidente dell’Associazione Italiana Classi Windsurf, Carlo Cottafavi -. Da tanto, troppo tempo, stavamo aspettando. E’ fantastico! Matteo campione del mondo con vele italiane, sono estremamente felice per tutti i windsurfisti che in questi anni hanno creduto in questa disciplina. Matteo è un ragazzo molto serio, educato che ha voluto dimostrare, con la passione, che con la forza di volontà si può diventare campioni del mondo, di lui posso dire che in tutte le regate non ha mai fatto una polemica, mai sopra le righe. Questo è il risultato della sua dedizione e del suo impegno. Spero che questo serva a tanti come esempio per il futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.