IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio a bordo con un ferito: esercitazione nel porto di Alassio fotogallery

La simulazione prevedeva il salvataggio di una persona su un'unità da diporto incendiata all'imboccatura del porto

Alassio. Questa mattina alle 9 si è svolta all’interno del porto turistico di Alassio una esercitazione antincendio volta ad accertare l’effettivo grado di preparazione e conoscenza del personale preposto all’intervento.

La simulazione ha riguardato una unità da diporto all’imboccatura del porto di Alassio che, in procinto di rientrare al proprio ormeggio, ha comunicato di avere un principio d’incendio a bordo con la presenza di un ferito. Ricevuta la notizia via VHF, la Sala Operativa dell’Ufficio Locale Marittimo di Alassio ha provveduto ad attivare la catena d’allarme prevista dal piano antincendio portuale, allertando dapprima il personale dipendente, il personale della Direzione del porto della Marina di Alassio, i Vigili del Fuoco di Albenga, il servizio 118 della Croce Bianca con ambulanza e personale sanitario, oltre a personale dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Polizia Municipale, e della Protezione Civile.

Il personale della Guardia Costiera, a bordo del mezzo nautico GC 240 si è recato immediatamente all’imboccatura del porto di Alassio dove ha recuperato e trasbordato il “ferito” a bordo della stessa. L’unità da diporto è stata messa in sicurezza presso la banchina transito della diga foranea, ed il personale della Marina di Alassio, coadiuvato da quello della Protezione Civile, è riuscito a domare il principio di incendio. Il ferito a bordo dell’unità della Guardia Costiera è stato quindi assicurato sulla spinale dal personale sanitario del 118 e trasbordato a bordo della ambulanza.

“La finalità dell’esercitazione, che ha avuto esito positivo – spiegano dalla Capitaneria – aveva come obiettivo quello di testare la prontezza operativa delle forze in campo, attraverso la verifica dei tempi di reazione rispetto alla chiamata d’emergenza nonché l’efficienza dei mezzi antincendio impiegati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.