IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Cut The Art | Una mostra virtuale

Più informazioni su

CUT THE ART è un progetto curatoriale di una mostra immaginaria resa possibile grazie al web. Tagliare l’arte, il titolo del progetto tradotto in italiano, sta ad indicare un momento preciso della storia dell’arte. Siamo in Italia, nel secondo dopoguerra, Lucio Fontana è l’artista che più di altri suoi colleghi decide di rompere con la tradizione artistica. Rompere ovvero tagliare con una lama che utilizza al posto del pennello, anzi prima dipinge la tela e in seguito la fende. Un gesto non solo provocatorio ma un’operazione volta alla ricerca, seppur solo ideale, di uno spazio infinito. Le opere di Fontana sono i presupposti per un’arte che verrà, un tentativo di uscire dalla materia, dalla realtà consacrata, per arrivare all’intelligenza dell’uomo. Quadri che incitano solo alla riflessione, alla rappresentazione dell’uomo nello spazio. Una visione rinnovata, un’anticipazione dei viaggi dell’astronauta nello spazio, che porta nuove scoperte, ma anche nuove sensazioni dell’uomo, soprattutto dolorose. Lucio Fontana è in realtà il pretesto per un progetto curatoriale molto più ampio. Il percorso esplora infatti la poetica di Fontana attraverso tre macro argomenti: SPACE – SPAZIO | CUT – TAGLIO | MONOCHROME – COLORE MONOCROMATICO.
La prima sezione SPACE indaga il tema dello spazio attraverso un breve excursus nella storia dell’arte, evidenziando le metodologie adottate da parte degli artisti, di rappresentare sul supporto pittorico, la realtà così come la percepisce il nostro occhio. Lo spazio però si riferisce anche a un tema più filosofico e poetico, come la ricerca interiore dell’infinito. Partendo dalle opere di Fontana, dal loro significato più intrinseco, in questa prima parte della mostra viene esplicata la tensione della pittura novecentesca a ricercare il nesso contrastato e impossibile tra il sé e l’umanità; l’infinito.
CUT è la seconda parte del progetto espositivo, che esplora il taglio, segno-gesto artistico di Lucio Fontana, dapprima da un punto di vista culturale ed etologico e in seguito del significato. Quei tagli provocati da una lama, che in Argentina, il paese di origine di Fontana, diventa per assurdo un oggetto quasi leggendario, che si intesse con il mondo intellettuale ed artistico, muovendo gli artisti a fare della lama emblema dei loro lavori.
MONOCHROME, ultima sezione della mostra, si riferisce alla scelta e all’utilizzo del colore monocromatico nell’opera di Lucio Fontana, motivando e confrontando, la pratica del colore unico, con l’operato di altri artisti, che prima e dopo Fontana hanno adottato questa tecnica artistica.
http://cut-the-art.jimdo.com/

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.