IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calizzano, polemica sui profughi. Vaccarezza difende il sindaco: “I razzisti siete voi”

Calizzano. “Tacciare di razzismo il sindaco di Calizzano, persona per bene, padre di famiglia e uomo di grandi valori, è una vera e propria follia. Si è comportato come è dovere di un “Primo Cittadino”, cercando di risolvere un problema logistico di trasporto pubblico. Nulla di più. Utilizzare e strumentalizzare l’attività di un amministratore corretto e attento è una cosa vergognosa. Pensate bene: se due pullman viaggiano stracolmi e due viaggiano vuoti, cos’altro c’è da fare se non utilizzare al meglio e con criterio oggettivamente coretto i mezzi a disposizione?”. Angelo Vaccarezza, Capogruppo di Forza Italia in Regione Liguria non esita a schierarsi al fianco di Pierangelo Olivieri, sindaco di Calizzano finito nella bufera e tacciato di razzismo per il caso dei pullman che portano gli studenti a scuola.

Una bufera che non ha ragione di esistere, sostiene Vaccarezza, perché le scelte del sindaco Olivieri sono state semplicemente dettate dalla logica. “Queste cose accadono quando a parlare è il “cattivo senso” – continua Vaccarezza – Olivieri ha semplicemente fatto una riunione per capire come gestire il problema al meglio e nell’interesse di tutti, migranti compresi. Il sindaco ha semplicemente chiesto alla cooperativa che gestisce questi ragazzi se fosse possibile distribuirli in modo da occupare tutti i pullman a disposizione. Questo è buon senso applicato alla politica – dice ancora Vaccarezza – sono sicuro che se la stessa questione avesse avuto ad oggetto un gruppo di anziani di Cesano Boscone in vacanza a Calizzano per passare l’inverno, nessuno avrebbe fatto opposizione. Siccome sono ragazzi di colore è scoppiato il finimondo”.

“Peraltro, la città sta già pagando molto in termini sia di ordine pubblico e tensioni sociali (è di pochi giorni fa la notizia della rissa fra ospiti di una struttura di accoglienza, bilancio tre feriti)che in termini numerici. L’accoglienza si fa laddove ci sono i mezzi per sostenerla i modo da favorire il benessere e la pace di tutti. Calizzano ospita 40 “profughi”, un numero decisamente alto che dev’essere e breve ridotto. Il vero problema – conclude Vaccarezza – è che in questo Paese il buon senso si è talmente perso che si vive il razzismo nei confronti di persone fanno l’interesse di tutti i cittadini”.

“Esprimiamo la nostra più totale vicinanza al Sindaco di Calizzano Pierangelo Olivieri per le critiche ricevute in seguito alla sua decisione di proibire agli immigrati di utilizzare i bus comunali” affermano Tomaso Giaretti e Daniele Martino, rispettivamente Coordinatore regionale e coordinatore provinciale di Savona per Forza Italia Giovani. “Si tratta senza ombra di dubbio di una scelta drastica” continuano “ma è innegabile che si stiano creando ovunque problemi generati dai sedicenti profughi. Dai biglietti dei bus non pagati fino ad apprezzamenti di troppo nei confronti di donne e ragazze pure minorenni.”
“Nella stessa Calizzano” afferma Martino “Si sono sviluppate risse tra immigrati ed il numero pattuito di 24 è velocemente salito a 40. Il tutto in una realtà molto piccola.” Secondo Giaretti invece ” È doveroso che i sindaci difendano le proprie comunità prendendo, qualora fosse necessario soluzioni drastiche, come in questo caso, imitando il Sindaco di Calizzano, che certamente si è dimostrato coraggioso difendendo i diritti dei propri concittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.