IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borgio Verezzi, è scontro aperto sul Puc: pronte almeno 50 osservazioni

Il sindaco Dacquino: "Puc innovativo e che tutela il territorio, dalle minoranze solo bagarre strumentale"

Borgio V. Potrebbero arrivare ad almeno una cinquantina le osservazioni al nuovo Puc di Borgio Verezzi, al centro di una aspro dibattito politico e che ha visto le minoranze, dei gruppi “Borgio Verezzi E’ Tua” e “Insieme Borgio Verezzi”, organizzare una assemblea pubblica che si è svolta venerdì sera presso la sala consiliare, alla presenza di tecnici, associazioni e molti cittadini.

Eccessiva cementificazione e speculazione edilizia, con la costruzione di ulteriori “seconde case” fino a 400 nuovi appartamenti, la realizzazione di un parco pubblico, il cosiddetto parco “Enea” inutile e in una zona alquanto proibitiva, senza contare la previsione di importanti metrature di “spazi commerciali” in un paese dove ogni giorno un negozio è costretto a chiudere i battenti.

Nel mirino delle minoranze la gestione del verde pubblico, l’area del Botassano e la stessa frazione di Verezzi, che “subirà un danno ambientale e di territorio”. “Le slide che abbiamo mostrato durante un incontro molto partecipato dimostrano come questo Puc rappresenti un pericolo per il nostro territorio, con linee strategiche di sviluppo sbagliate e che non faranno altro che peggiorare la situazione. Le osservazioni saranno tante e anche dettagliate e proseguiremo con forza la nostra opposizione al Puc comunale convinti di avere l’appoggio di tanti cittadini” affermano i consiglieri di “Borgio Verezzi è Tua” Luciano Galletto e Renzo Locatelli.

“Addirittura il Puc contiene ancora il progetto delle ville sopra le Grotte che è stato rigettato per due volte dalla Regione” concludono i due esponenti della minoranza.

“Niente di più falso – ribatte il sindaco Renato Dacquino -. Il progetto delle ville è rimasto solo a livello formale ma ovviamente non sostanziale in quanto in quell’area sarà realizzata solo una villetta peraltro prevista dal vecchio Piano regolatore. La dimostrazione che la minoranza sta conducendo solo una battaglia strumentale e polemica, senza conoscere gli elementi del Piano Urbanistico e cosa sarà realizzato”.

“Tra l’altro ricordo che prima della sua stesura questa amministrazione ha svolto almeno una decina di incontri pubblici sul Puc e abbiamo dato ampia informazione sulle linee di intervento, evidentemente qualcuno non c’era o si è svegliato tardi…” aggiunge.

“E’ vero, è previsto un intervento edilizio importante nella zona tra Borgio e Finale Ligure, 5.000 metri quadrati, dai quali però ricaveremo 1,8 mln di euro (tra oneri di urbanizzazione e altro) che saranno utilizzati per la nuova passeggiata e per il progetto di riqualificazione del fronte mare, essenziale per il futuro turistico di Borgio Verezzi”. Tra i punti chiave del Puc, infatti, il progetto nella zona che si affaccia sulla via Aurelia tra Borgio Verezzi e Finale Ligure, che prevede un nuovo intervento edilizio (una struttura RTA – Residenza Turistica Alberghiera – e nuovi appartamenti, più difficile l’opzione del solo albergo)”.

“Quanto alla frazione di Verezzi si prevede un nuovo collegamento dalla cava verso il cimitero, il nuovo parcheggio nella frazione Roccaro e una corsia dalla medesima frazione fino al paese; infine una nuova bretella di collegamento tra via Nazario Sauro e via Trento e Trieste”.

Nel Puc comunale è stato inserito anche il nuovo sottopasso pedonale che da piazza Marconi porta alla spiaggia, la nuova piazza sotto l’area del Comune e altri interventi di tutela del centro storico. Tra le linee guida anche il restyling della zona del Botassano, con rifacimento degli asfalti e interventi di carattere urbano.

“Un Puc innovativo e tutelante del territorio e delle sue esigenze, finalmente questa amministrazione ha dato un piano regolatore atteso da diversi anni e da tempo fermo al palo. Credo che anche il nuovo parco pubblico è invece un elemento importante, così come la piazza centrale nella zona davanti al Comune. Tutti interventi concreti e moderati, la cementificazione e la speculazione erano caratteristiche delle passate amministrazioni…E poi mi viene da sorridere che tanti esponenti della precedente maggioranza, ora all’opposizione, che per tanto tempo hanno contribuito e appoggiato questo Puc ora si svegliano all’improvviso con una battaglia contro a prescindere, senza motivi e contenuti veri: la differenza tra chi fa amministrazione e chi invece politica, di basso profilo” conclude polemicamente il sindaco Dacquino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.