IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bando per l’ortopedia di Albenga, Vazio (PD): “Rinvii inquietanti e motivazioni ignote: una vergogna”

"Nel frattempo i lavoratori resteranno a casa e l'ospedale rimarrà chiuso con buona pace di chi nel frattempo guadagna su questi ritardi"

Albenga. “Questo rinvio è inquietante. Specie perché le motivazioni sono ancora ignote”. Così il deputato ingauno del Pd Franco Vazio commenta i ritardi nell’apertura delle buste contenenti le offerte inviate dalle aziende che hanno partecipato al bando di gara indetto dalla Regione per l’affidamento della gestione del reparto di ortopedia dell’ospedale di Albenga.

Ritardi che dopo aver scatenato la reazione del sindaco della città delle Torri Giorgio Cangiano ora smuove la protesta anche del vice presidente della commissione giustizia della Camera: “Siamo di fronte ad una situazione davvero opaca – dice Vazio – La Regione Liguria aveva fissato la scadenza del bando per il reparto di ortopedia di Albenga al 15 settembre scorso. L’assessore alla sanità aveva poi sostanzialmente tacciato i sindaci del ponente savonese come dilettanti e ignoranti delle leggi sugli appalti, garantendo che a settembre si sarebbe conosciuto il futuro dell’ospedale di Albenga”.

“Poche ore prima della scadenza gli organi di stampa però hanno dato atto che la Regione ha così motivato lo slittamento di 7 giorni del termine ‘considerate le numerose richieste di chiarimenti, arrivate a ridosso del termine del 15 settembre, da parte delle società interessate è stata decisa una proroga del bando per l’ortopedia privata di Albenga’. Quali chiarimenti sono stati richiesti? Quali chiarimenti sono stati forniti? A chi sono stati forniti i chiarimenti? Si sono cambiate le regole del gioco ed alterate le condizioni di partecipazione alla gara? Che fine hanno fatto le buste con le offerte?”

“A queste domande – nota ancora Vazio – l’assessore regionale alla sanità Sonia Viale, scienziata della sanità e della disciplina sugli appalti, deve dare subito una risposta circostanziata, cercando di diradare una cortina di nebbia inquietante e pericolosa. La stazione appaltante è conscia che questa anomala procedura con ogni probabilità favorirà impugnazioni ed esposti?”

E c’è anche un altro e più grave problema conseguente a questi ritardi: “Nel frattempo i lavoratori resteranno a casa e l’ospedale di Albenga rimarrà chiuso con buona pace di chi nel frattempo gode e guadagna su questi ritardi. Una vergogna”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.