IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, non ce l’ha fatta l’operaio precipitato da un tetto in via De Litta fotogallery

Dopo una settimana di coma farmacologico

Vado Ligure. Non ce l’ha fatta Abel Edgar Astudillo Mosquera, l’operaio di 35 anni, di origine ecuadoriana, ma residente all’ombra della Lanterna, precipitato dal tetto di una palazzina a Portovado mentre stava effettuando alcuni interventi di bonifica dall’amianto. Dopo una settimana in coma farmacologico nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, l’altra notte il suo cuore ha cessato di battere

infortunio lavoro

Con il decesso dell’uomo, l’ipotesi di reato di lesioni gravissime su cui sta lavorando la Procura della Repubblica cambierà da lesioni gravissime ad omicidio colposo.

L’uomo stava realizzando una cupola di plastica per avvolgere il tetto quando è precipitato sfondando un pannello di plastica ondulata. L’intera area di cantiere è stata sequestrata su disposizione della Procura proprio per consentire le necessarie indagini. Secondo i riscontri di carabinieri e ispettori Asl, l’operaio stava lavorando senza alcuna imbragatura di sicurezza che, secondo i responsabili del cantiere, non sarebbe stata necessaria.

L’incidente di Vado ricorda quello che qualche mese fa si era verificato nel quartiere savonese di Zinola dove era rimasto ferito, dopo il crollo del ponteggio, un operaio egiziano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.