IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“TrashPic”, presentata l’applicazione per la lotta alla plastica in mare

Pietra Ligure. Mare invaso da plastica. Sacchetti, bottiglie, bicchieri, mozziconi di sigaretta. Frantumati in piccoli pezzi o ben visibili e galleggianti. Appaiono soprattutto dopo le piogge alle foci di torrenti e fiumi, rovinando il paesaggio costiero, le spiagge, rappresentando la principale fonte di inquinamento marino. Per affrontare e risolvere il problema, la Regione Liguria e i partner Comune di Pietra Ligure, Arpal, Olpa-Osservatorio Ligure Pesca e Ambiente, Liguria Ricerche e Legambiente Liguria hanno lavorato tre anni, grazie al progetto europeo Life-Smile, nel comprensorio del Torrente Maremola, affacciato sul Santuario dei Mammiferi Marini Pelagos, con i comuni di Pietra Ligure, Tovo San Giacomo, Magliolo e Giustenice, in Liguria.

I risultati delle azioni sviluppate in questi tre anni sono stati presentati oggi a Roma. Tra le eccellenze del progetto “Trashpic”, la prima applicazione europea elaborata da Olpa in collaborazione con Coop.19, per segnalare la presenza di rifiuti sul territorio ed arrivare alla celere rimozione. Elaborata, testata e diffusa in questi ultimi due anni ha ricevuto 145 segnalazioni georeferenziate di rifiuti abbandonati dai cittadini che hanno visto l’intervento delle aziende che gestiscono la raccolta, collegate on line/on demand/ per la loro rimozione.

“Affrontare il problema dei rifiuti in mare – dichiara l’Ass. all’Ambiente della Regione Liguria Giacomo Giampedrone – non può prescindere da coinvolgere: il mondo della pubblica amministrazione a diversi livelli per attivare politiche di prevenzione e gestione del fenomeno; il mondo scientifico per una conoscenza approfondita; l’intera società civile perché è necessario cambiare i modelli di consumo rendendoli più sostenibili e responsabili e aumentare la consapevolezza che l’ambiente marino costiero è una risorsa e va preservata con un impegno attivo di ciascuno di noi”.

Sono state effettuate tre campagne di monitoraggio nel 2014, 2015 e 2016 con una indagine di Arpal, in cui è emersa come tipologia di rifiuti prevalente quella delle plastiche (polimeri artificiali) sempre tra il 70 e l’80% del totale censito. Tra le classi di utilizzo dei rifiuti, è stata evidente un’ inversione di tendenza nella presenza di materiale della categoria “fumo e tabacco”, che è passata da un 25% rilevato nel 2014 ad appena il 4% nel 2016. Un risultato ottenuto anche grazie alla campagna di sensibilizzazione contro l’abbandono dei mozziconi di sigaretta, promossa dal Comune di Pietra Ligure nel periodo estivo, attraverso la distribuzione di posacenere portatili nell’ambito degli infopoint degli Smile Campus.

Rimane rilevante tuttavia la categoria degli oggetti “non identificabili”, come ad esempio i frammenti di plastica di dimensione inferiore ai 2,5 cm, che si trasformano a loro volta in microplastiche (<5 mm), principali responsabili dell'inquinamento nella catena trofica delle specie marine. "Il progetto Life-Smile – commenta Santo Grammatico, Presidente di Legambiente Liguria – ha unito ricerca, innovazione, gestione ambientale e relazione con le comunità, in una regione dove il rapporto tra costa e entroterra è particolarmente complicato. I torrenti sono stati considerati per troppo tempo solo come corridoi per ospitare infrastrutture stradali o utilizzati come discariche di rifiuti o reflui fognari da cittadini irresponsabili. Le attività di sensibilizzazione sviluppate hanno dato un grande contributo per iniziare a riflettere sul rapporto ecologico tra i materiali post consumo e i nostri torrenti, mettendo l'accento sulla necessità di migliorare la raccolta differenziata e tutelare i nostri corsi d'acqua dall'inquinamento e dal dissesto idrogeologico, aspetti che se vengono trascurati hanno un effetto devastante sui comuni costieri". Infine tra i risultati innovativi del progetto la definizione di un modello di sistema di gestione e un modello di capitolato per il bando del servizio di gestione dei rifiuti rivolto alle pubbliche amministrazioni, ad opera del Comune di Pietra Ligure, Liguria Ricerche e Scuola Sup. Sant'Anna di Pisa, che considera e integra al suo interno tutta una serie di buone pratiche per prevenire ed abbattere la presenza dei rifiuti in mare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.