IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Valbormida, turisti francesi in visita ai luoghi napoleonici a 220 anni dalle battaglie

Gli appassionati di storia napoleonica saranno a Montenotte, Cosseria e Millesimo

Cairo M. Domenica 24 aprile arriverà in Val Bormida un pullman con una quarantina di francesi e svizzeri appassionati e studiosi di storia napoleonica, per visitare i luoghi della Campagna d’Italia del 1796.

Per iniziativa di Simon Doillon di Epinel, accompagnati dal prof. Thierry Choffat, dell’Università di Nancy e presidente dell’associazione dei “Vosgi napoleonici”, i visitatori percorreranno un tour di otto giorni che, partito da Tolone, toccherà i luoghi delle battaglie napoleoniche da Montenotte ad Arcole.

Inizieranno dalla piccola località di Montenotte, dove l’esercito napoleonico ha registrato la prima e importantissima vittoria, fondamentale per la conquista dell’Italia e l’ascesa di Buonparte. Dopo una visita a Cairo Montenotte e al Convento francescano, che proprio dai soldati francesi è stato incendiato, il pranzo al ristorante La Torre e quindi il trasferimento a Cosseria e Millesimo. Qui visiteranno il Palazzo comunale – dove fu ospite Buonaparte e poi Pio VII, suo prigioniero – nonché il Museo di stampe napoleoniche, a Villa Scarzella.

L’itinerario proseguirà poi in Piemonte, toccando tutte le località interessante dai combattimenti napoleonici, fino a Cherasco, città dell’armistizio. Il tour si dirigerà poi a Lodi e poi nel Veneto, ma giungerà fino a Campoformio, alla Slovenia ed in Austria, sempre per visitare luoghi legati alla vicenda napoleonica.

In Val Bormida i turisti/esperti napoleonici, dove già erano venuti una decina di anni fa, resteranno un giorno, l’ottava parte del loro attuale viaggio. L’auspicio è che possano trovare adeguata accoglienza e piena soddisfazione, in modo da poter ben parlare dei nostri paesi e farsi indirettamente “ambasciatori turistici” della Val Bormida, che spesso (a parole) afferma di voler giocare la carta del turismo. E ne avrebbe pur titolo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.