IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, ponte sul torrente Segno: “Primo passo per la messa in sicurezza del territorio” fotogallery

Miazza: "Ora le altre opere per Vado Ligure". Il sindaco Giuliano: "Bel risultato per i cittadini"

Vado L. Il nuovo ponte sul torrente Segno a Vado Ligure è realtà. Questa mattina taglio del nastro ufficiale della nuova struttura attesa dalla cittadinanza vadese, in via Caduti per la Libertà. L’opera è costata 2 milioni di euro, con il contributo finanziario del fondi POR messi a disposizione per realizzare l’atteso intervento.

ponte segno

“Oggi è una giornata importante per Vado Ligure perché si concretizza la prima opera di messa in sicurezza del torrente Segno, uno dei tanti interventi a carico dell’Autorità Portuale che vedrà la realizzazione di altri ponti, escluso quello sull’Aurelia che sarà di competenza dell’Anas” commenta il presidente dell’Autorità Portuale Gian luigi Miazza.

“Per Vado Ligure sono previsti una dozzina di lavori per la messa in sicurezza del territorio con interventi che saranno completati nell’ambito della realizzazione della piattaforma Maersk, con nuovi varchi e nuova viabilità che cambieranno il volto alla cittadina vadese” conclude Miazza.

Massima soddisfazione anche da parte del sindaco di Vado Ligure Monica Giuliano: “Un successo in termini di tempi e realizzazione progettuale di un’opera molto importante per la nostra comunità, nell’ambito di interventi propedeutici alla mitigazione del rischio idraulico e alla messa in sicurezza del territorio, con una nuova viabilità più funzionale”.

“Questo un primo passo, ora la sfida è completare l’opera con gli altri lavori previsti per la cittadina vadese e siamo pronti a lavorare in sinergia con l’Autorità Portuale” aggiunge.

Sul ponte non sono mancate polemiche, specie tra chi avrebbe preferito una piazza: “Credo che avere una struttura nuova come questa nell’ottica di implementare la sicurezza dei cittadini e la stessa sicurezza urbana del territorio è un bel risultato” conclude il primo cittadino vadese.

Nel dettaglio è da intendersi quale primo stralcio funzionale delle opere di riqualificazione del torrente Segno, finalizzato alla sistemazione dell’area interessata dagli attraversamenti di via Palestro e dal ponte ferroviario dismesso. La progettazione del nuovo ponte di Via Palestro è stata effettuata in modo tale da risultare compatibile con tutte le ipotesi di sistemazione del torrente Segno fino ad oggi elaborate.

Il progetto ha previsto la realizzazione dei seguenti interventi: demolizione dell’ex ponte ferroviario, ormai dismesso a seguito della realizzazione del nuovo raccordo ferroviario a monte del ponte su via alla Costa; demolizione dell’attraversamento a doppia pila di via Palestro e successiva ricostruzione dello stesso a campata unica, operando la realizzazione delle nuove spalle in cemento armato in modo da garantire una larghezza d’alveo pari a 30 metri, come previsto dalle ipotesi di sistemazione futura del torrente Segno.

La quota stradale del nuovo attraversamento è sopraelevata di circa 1,40 metri rispetto al piano viario preesistente, al fine di garantire le necessarie condizioni di deflusso delle portate di progetto con un franco di sicurezza pari a 1,5 metri.

Oltre ai due interventi principali sopra descritti, il presente progetto ha previsto la realizzazione di opere di corredo finalizzate alla sistemazione delle aree poste a contorno del ponte. Sponda sinistra: nelle aree poste a monte del ponte si è prevista la costruzione di una scala in cemento armato di accesso al ponte e la sistemazione a verde, con predisposizione alla realizzazione di un’area pubblica con sedute e spazi a verde ed espositivi. Sponda destra: le aree poste a monte del ponte, già destinate a parcheggio, sono state nuovamente asfaltate; si prevede inoltre la realizzazione di un’area verde con messa a dimora di essenze locali.

L’accesso al ponte sarà garantito da una scala in cemento armato. A valle del ponte è stata prevista la realizzazione di un’area verde a prato, con messa a dimora di essenze locali, delimitata da un cordolo in cemento armato fornito di recinzione destinata ad oasi canina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.