IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Task force contro l’accattonaggio a Pietra Ligure

Il sindaco Valeriani soddisfatto per i risultati: "Da mesi la polizia municipale è impegnata in servizi di controllo"

Pietra L. La guerra contro il fenomeno dell’accattonaggio da parte del Comune di Pietra Ligure sta portando “importanti risultati”.

A comunicarlo è il sindaco Dario Valeriani che spiega: “Da mesi la polizia municipale di Pietra Ligure è impegnata ad operare nella zona centrale della cittadina, in servizi in borghese ed uniforme, nell’opera di identificazione di cittadini dediti all’esercizio dell’accattonaggio. Molte di queste persone sono di nazionalità straniera e svolgono tale mansione con atteggiamenti molesti e prevaricanti nei confronti dei passanti”.

“La Prefettura aveva diramato una precisa circolare alle Forze di Polizia perché alcuni cittadini stranieri, a cui era stato concesso lo status di rifugiato, svolgevano detta attività in contrasto ‘con le regole di condotta che i richiedenti asilo devono seguire’, in quanto ‘inidonea all’integrazione dell’immigrante’. Nei primi mesi dell’anno in corso queste persone, identificate dalla polizia municipale di Pietra Ligure ed invitate ad evitare a non questuare, sono state sistematicamente segnalate alla locale Prefettura che ha emesso provvedimenti di ritiro delle misure di accoglienza disposte a favore del cittadino straniero” spiega Valeriani.

“Questi provvedimenti rivolti in particolare a cittadini di nazionalità nigeriana che viaggiano come pendolari nella riviera, provenienti principalmente dal capoluogo di regione, comporterebbero significative conseguenze derivanti dall’esercizio di mendicante, quali la revoca dei benefici concessi dallo Stato italiano. Il Sindaco, conscio delle difficoltà a risolvere un problema a cui viene data particolare attenzione dalla comunità pietrese, è impegnato a collaborare con le altre Autorità competenti al fine di limitare ogni attività molestante che possa produrre disagi, nel rispetto delle vigenti disposizioni normative, in quanto non sono previsti allontanamenti o provvedimenti coercitivi nei confronti dei mendicanti” conclude il primo cittadino pietrese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.