IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primarie Savona:  3.100 voti che potrebbero significare cambiamenti più profondi in città fotogallery video

I risultati delle elezioni Primarie di Savona forniscono alcuni interessanti spunti. Il confronto all’interno del centro sinistra savonese aveva implicazioni più ampie di quello che una frettolosa analisi potrebbe suggerire. Si sono confrontati due “mondi”, uno della sinistra tradizionale e l’altro più vicino a logiche di dialogo più dinamico con il mondo dei moderati, lo stesso che alle elezioni Europee garanti quel 10% di voti che condusse Renzi a percentuali che il centro sinistra non aveva mai raggiunto in passato nella storia dell’Italia Repubblicana.

I dati di alcuni seggi come Santa Rita, Valloria, Savona centro, dove la Battaglia si è affermata un po’ a sorpresa, sono spie di una certa mobilitazione di un elettorato che ha avvertito il significato politico, in gioco al di là dell’appartenenza più ristretta interna al Partito Democratico.

Ora la scommessa sarà per la Battaglia, quella di riuscire a formulare una proposta che mantenga il voto intercettato in queste elezioni Primarie, ampliandolo a fasce di un elettorato che come sempre in questi casi, è indispensabile per un’eventuale affermazione elettorale tutt’altro che scontata. Di fronte si troverà candidati del M5S che hanno iniziato con un piglio molto aggressivo la campagna o come nel caso del centro destra, ancora in attesa di individuazione.

Certamente questo dato delle Primarie del centro sinistra, all’interno degli equilibri sociali ed economici che fanno il tessuto di una città, porterà cambiamenti significativi, con mutamenti superiori all’evento stesso in quanto tale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. unbe
    Scritto da unbe

    io credo che a questo punto gli elettori del PD delusi dalla deriva destrorsa del partito farebbero meglio a dirigersi verso una lista civica che combatta davvero le loro battaglie.

  2. mr. Jo
    Scritto da mr. Jo

    Qualcuno potrebbe dirmi se lo statuto del comune di Savona prevede l’utilizzo della sala consiliare per le primarie di qualsiasi partito? La sala è stata affittata? E’ stato emesso qualche atto dirigenziale, della giunta o del consiglio per autorizzarne l’uso? Quanto è costato a noi cittadini tenere aperto il comune in un giorno non lavorativo per consentire le primarie di un privato? Quanti altri locali del comune sono stati utilizzati con lo stesso sistema? Perchè gli altri partiti devono utilizzare dei gazebo per strada piuttosto che la sala consiliare?
    Il comune è un edificio pubblico o ad uso del pd?
    Personalmente penso che la corte dei conti avrà da ridire su questa cosa. saluti