IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Porto di Andora verso la riconferma della Bandiera Blu e più “sorvegliato”

Dal 1975 sventola il vessillo della Fee, ma lo scalo vuole crescere ancora ed essere approdo di riferimento per la nautica dell'alto Mediterraneo

Andora. Viaggia a gonfie vele il porto di Andora che dal 1975 conquista la Bandiera Blu e va verso la riconferma del prestigioso vessillo anche per il 2016. L’ufficialità la si avrà solo tra qualche settimana, ma in Comune si sta già lavorando per l’avvio di nuovi importanti interventi per un migliore funzionamento dell’approdo.

“Tra le priorità figura il potenziamento della videosorveglianza – spiega il sindaco Mauro Demichelis – Intervento fortemente voluto dall’amministrazione comunale per rendere ancora più protetto e sicuro lo scalo. Chi decide di attraccare nelle nostre banchine deve essere il più tranquillo possibile anche coloro che transitano solo per qualche giorno in estate. Migliorare il servizio di vigilanza con gli occhi elettronici è uno degli interventi che effettueremo prima dell’inizio della stagione balneare”.

Porto Andora

Ma c’è un altro cantiere all’orizzonte della Marina di Andora. “A fine estate partiremo col primo lotto di un più complesso potenziamento dell’infrastruttura – conferma il primo cittadino –  Partiamo con la realizzazione del marciapiede (che oggi è incompleto ndr) tra l’uscita del porticciolo e le Rocce di Pinamare. Si tratta di un primo, fondamentale step, che ci consentirà poi di intervenire anche negli interventi che miglioreranno i servizi portuali”. Allo stadio anche una viabilità migliore in tutta la zona ai piedi di Capo Mele.

Oggi il porto di Andora dispone di 852 posti barca, di cui una parte riservata ai transiti, per unità a vela e a motore da 4 fino a 20 metri. “Tutte le banchine sono servite di acqua, luce e servizio antincendio – sottolinea Demichelis-Lo scalo offre ai diportisti un’ampia gamma di servizi a terra e in mare quali il servizio di assistenza all’ormeggio, guardianaggio tecnico 24 ore su 24, assistenza subacquea, lavanderia, meteo, servizi igienici con docce calde, ampi parcheggi riservati esclusivamente agli utenti autorizzati. All’interno dell’area portuale il diportista può trovare numerose attività commerciali legate alla nautica e al diporto, associazioni sportive, servizi di ristorazione. Ma è nostra intenzione migliorare ancora i servizi perché lo scalo possa diventare una delle infrastrutture più confortevoli per i diportisti che navigano nell’alto Mediterraneo. Una bella prospettiva per Andora che potrebbe far davvero concorrenza agli scali della vicina Costa Azzurra. Gli uffici comunali sono già al lavoro perché è in quella direzione che vogliamo andare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Ottime scelte – Finalmente una Andora che va verso il futuro senza tanto cemento e senza ” proclami in fascia tricolore ” !