IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio, buone notizie: rimodulata la cassa integrazione, reparti operativi fotogallery

La riapertura dei reparti motoristici resa possibile dal risparmio tramite la chiusura totale "concordata" dello stabilimento per quattro giornate

Più informazioni su

Villanova d’Albenga. Rimodulazione della cassa integrazione, reparti tutti nuovamente operativi dal 4 maggio. Sono buone notizie quelle che emergono dall’incontro di oggi pomeriggio tra i vertici di Piaggio Aerospace e le rappresentanze sindacali: dopo mesi di contrasti e preoccupazione, dunque, si intravede la luce in fondo al tunnel.

Due gli elementi che più di tutti avevano preoccupati in questi mesi i lavoratori: il ricorso agli ammortizzatori sociali e la chiusura di alcuni reparti, che di fatto, accusavano i sindacati, finiva per paralizzare l’intera produzione. Nell’incontro di oggi, però, il management di Piaggio è stato chiaro: dal 4 maggio tutti i reparti torneranno ad essere pienamente operativi. Conseguentemente si andrà a ridefinire il periodo di cassa integrazione.

“Finalmente sono state ascoltate le richieste dei lavoratori e dei parlamentari – afferma soddisfatta Paola Boetto della Rsu – fatte in questo mese in cui non abbiamo mai smesso di parlare della situazione che vivevamo qui a Villanova. Ora attraverseremo un mese di transizione, però riapriranno i reparti motoristici e avremo il riavvio della catena dei fornitori: non è una semplice ‘riapertura’ dei reparti, ma ripartiranno realmente le attività“.

La “mossa” strategica che ha consentito di risolvere l’intricata matassa è la chiusura totale “concordata” dello stabilimento per quattro giornate: il 2 e 3 maggio, il 13 maggio e il 3 giugno. In queste quattro giornate i dipendenti saranno tutti a casa, inclusi i dirigenti: questo permetterà un risparmio economico duplice, da un lato grazie allo stop delle catene produttive (che quindi non genereranno consumi e costi) e dall’altro per via del conseguente “smaltimento”, collettivo e solidale, di alcune ore di ferie.

Indubbiamente un buon segnale in attesa del vertice al Ministero dello Sviluppo Economico, in programma per il 12 maggio. E ora la partita si sposta su Laer: “Abbiamo chiesto approfondimenti prima dell’incontro di Roma – annuncia Boetto – vorremmo evitare di portare fino al ministero questa questione, ci auguriamo invece di risolverla localmente. Per lo stabilimento di Villanova si tratta di otto lavoratori come eccedenze strutturali e circa una cinquantina in attesa di chiamata in Laer”.

“L’azienda prevede che il nuovo piano aziendale non potrà essere pronto prima della fine di questo mese. Per noi tutti è molto importante tenere contatti con istituzioni, parlamentari, Ministeri e Governo per monitorare l’andamento della trattativa in corso per l’ingresso di Finmeccanica e per ricordare che nelle opzioni in esame si tenga conto di quanto i lavoratori ed il territorio hanno dichiarato e sottoscritto, con estrema chiarezza, in tutte le sedi” conclude Boetto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.