IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pensionata trovata morta in casa, sospetti sulla figlia separata dal marito di Albissola

La donna trattenuta negli uffici della questura è stata poi trasferita in carcere in stato di fermo di polizia giudiziaria

Albissola Marina. Una commercialista di 45 anni, Cristina Carenzo, separata dal marito che abita col figlio ad Albissola,  è sospettata di aver ucciso l’anziana madre, Franca Ranghino, 81 anni. La pensionata è stata trovata oggi senza vita in una villetta a due piani in via Walter Manzone, nel quartiere Canadà a Vercelli.  E’ stata appunto la figlia dell’ottuagenaria ad aver dato l’allarme sostenendo di aver trovato la donna in una pozza di sangue.

Con il passare delle ore la vicenda è stata chiarita dagli inquirenti. Cristina Carenzo, avrebbe avuto una furibonda lite con la madre fino a picchiarla a morte. Per tutto il pomeriggio è stata trattenuta dagli inquirenti negli uffici della questura coordinati dal pm Serafina Aceto e dal procuratore Paolo Tamponi.

La donna, che è stata sottoposta a fermo di pg, non ha confessato il delitto, tuttavia sarebbero stati decisivi  i racconti dei vicini dell’anziana. Questi hanno detto alla polizia che vi sarebbe stato un acceso litigio. Questa mattina la donna ha avvertito il medico curante raccontandogli di avere trovato la madre senza vita in una pozza di sangue.

Sul corpo della vittima gli investigatori hanno trovato diverse ferite ed ecchimosi, cosa che ha fatto subito propendere per l’ipotesi dell’omicidio. Il corpo dell’anziana è stato trovato all’ingresso dell’abitazione e sul portone principale non c’erano segni di effrazione.

I vicini di casa, inoltre, proprio ieri sera hanno sentito urla provenire dall’abitazione dove l’anziana si era trasferita a vivere, assieme alla figlia separata dal marito che abita nell’Albissolese, dopo la morte del noto commercialista vercellese. La polizia, fin da subito, ha sospettato che non si è trattato di una morte per cause naturali, ma di un omicidio.

Il dato certo è che il cadavere della pensionata è stato trovato all’ingresso della villetta. Nessun segno di effrazione è stato trovato sul portone principale del’abitazione. Il medico legale che ha effettuato un’ispezione sul corpo della donna ha riscontrato diverse ferite ed ecchimosi, come se fosse stata aggredita.

La villetta dell’ottuagenaria è stata ispezionata da cima a fondo dalla polizia scientifica e dalla squadra mobile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.