IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Email con richiesta di riscatto inviata ad un noto avvocato di Savona: “E’ una truffa”

Col click sul link incluso nella mail viene inoculata una variante del noto virus informatico "Cryptoclocker"

Savona. Una email con richiesta di riscatto è arrivata ad un noto avvocato di Savona che ha voluto mettere in guardia colleghi e amici dopo aver fiutato che si trattava di una truffa. E’ uno dei tanti falsi messaggi che ogni giorno tempestano le caselle di posta elettronica di aziende, uffici e Comuni un po’ in tutta la provincia.

Ad aver ricevuto un messaggio del genere è stato Mauro Cerulli, stimato avvocato di Savona. “Attenzione ad altri hackers che vogliono ricattarvi: vi arrivano mail sgrammaticate come questa: mittente Sda Express Courier (hsok@telia.com) avv. Mauro Cerulli il pacchetto non consegnata per voi. Avv. Mauro Cerulli il vostro pacchetto con il codice di spedizione 47413888 è arrivato al 1 aprile 2016. Corriere non ha espresso un pacco per te. Stampare l’etichetta di spedizione e mostrarlo in ufficio postale più vicino per ottenere il pacchetto. Scarica etichetta di spedizione. Se il pacco non viene ricevuto entro 30 giorni lavorativi Sda Express ha il diritto di chiedere un risarcimento da voi per esso sta tenendo nella quantità di 7,43 EUR per ogni giorno di conservazione. È possibile trovare le informazioni sulla procedura e le condizioni di pacchi tenendo l’ufficio più vicino”.

E lo stesso legale che lancia un appello a tutti coloro che non sono di essere diventate potenziali vittime di maldestri hacker. “Non scaricate assolutamente nulla e cancellate la mail. L’etichetta è un virus che vi cripta tutti i dati del computer e per riaverli dovete pagare 400 euro – dice il legale – Tra l’altro email di quel tipo ne ricevo moltissime e non vorrei mai che qualcuno finisse nella rete di questi cybercriminali che sono sempre in agguato pronti ad intascare denaro illegalmente”.

L’ignaro utente di internet solitamente riceve, infatti, sulla propria casella di posta elettronica un messaggio che fornisce informazioni su presunte spedizioni Sda o Poste Italiane a suo favore. Col click sul link incluso nella mail, oppure aprendo un allegato (solitamente un documento pdf) viene inoculata una variante del noto virus informatico “Cryptoclocker”. “Ed è lì che iniziano i guai seri”, conclude il legale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.