IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Clandestini “assaltano” un tir, scoperti dalla polizia stradale ad Andora

E' probabile che questo “assalto” sia avvenuto stamattina all'autoporto di Ventimiglia ma è anche possibile siano saliti su territorio francese

Andora. Un vero e proprio “assalto alla diligenza” (che però in questo caso era un camion) per ottenere un passaggio di straforo e riuscire a passare il confine. E’ quello di cui si sono resi protagonisti nelle scorse ore quattro pakistani irregolari che per viaggiare da Ventimiglia verso Genova (e forse anche oltre) hanno scelto di “imbarcarsi” clandestinamente su un tir.

La vicenda risale alla notte scorsa, quando i quattro stranieri (dei quali uno minorenne) sono saliti a bordo di un mezzo pesante di nascosto dal suo conducente. Dopo alcune ore di viaggio sulla A10, l’autista ha deciso di fermarsi in una piazzola di servizio nella zona di Andora. Quando è sceso dal mezzo, l’uomo ha notato degli strani movimenti a bordo del cassone e così ha deciso di chiamare il 113.

“Mi stanno rubando a bordo del camion”, ha detto agli agenti che hanno raccolto la sua segnalazione. Sul posto sono subito intervenute tre pattuglie della polstrada, che a bordo del mezzo hanno scoperto i quattro passeggeri indesiderati.

I pakistani sono stati trasferiti all’ufficio immigrazione della questura di Imperia, dove verranno sottoposti agli accertamenti di rito.

Secondo l’ipotesi, è probabile che questo “assalto” sia avvenuto nella primissima mattinata all’autoporto di Ventimiglia, dove i mezzi erano in sosta a causa del fermo dei mezzi pesanti nella giornata festiva di ieri; ma è anche possibile che i quattro clandestini siano saliti sul camion quando questo si trovava ancora su territorio francese.

Quanto avvenuto questa mattina ad Andora è simile a quanto accade quasi quotidianamente sulla costa nord della Francia, in particolare a Calais: anche qui i clandestini tentato regolarmente di salire a bordo dei mezzi diretti verso la Gran Bretagna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.