IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Calizzano, Bardineto e Murialdo l’ambulatorio pediatrico diventa realtà

Gestito dalla d.ssa Monica Nigro, sarà aperto al venerdì mattina ogni due settimane

Calizzano. “Siamo molto felici di comunicare che il progetto dell’Ambulatorio Pediatrico secondario per i Comuni di Calizzano Bardineto e Murialdo è finalmente divenuto una realtà. Le Amministrazioni hanno finalmente ottenuto l’assenso alla presenza del Pediatra presso il Punto Distrettuale di Via Lambertini a Calizzano”. Ad annunciarlo è il sindaco di Calizzano, Pierangelo Olivieri.

Dal primo venerdì del mese di maggio e con cadenza quindicinale la dottoressa Monica Nigro aprirà il proprio studio secondario in uno degli ambulatori del distretto con il seguente orario: dalle 9,30 alle 10,30 per le urgenze e a seguire fino alle ore 14 per i bilanci di salute e le visite programmate.

“Si tratta di un risultato raggiunto dopo un lavoro veramente di anni – spiega il primo cittadino – L’esigenza e necessità di avere un presidio medico per l’infanzia sul nostro territorio era stato segnalato dai genitori a più riprese, e fatto proprio con convinzione dalle amministrazioni, avviandosi un lavoro ed un iter procedurale a dir poco lunghi e laboriosi. Le amministrazioni, consapevoli dell’esigenza e del bisogno di salute per la popolazione pediatrica di Calizzano, Bardineto e Murialdo, si sono fatte formalmente carico della problematica sin dal 2013”.

La richiesta si basa sui numeri: già a fine 2014 erano 321 gli “under 14”, di cui 152 “under 6”, residenti in totale nei 3 comuni, ed il dato è cresciuto ulteriormente nel corso del 2015. “L’importanza della assistenza pediatrica è sempre apparsa evidente – prosegue Olivieri – soprattutto per la distanza dagli Ambulatori Pediatrici principali, i più vicini a Cairo e Carcare, ovvero in Riviera, aggravandosi, per così dire, il disagio territoriale anche per le stagionali condizioni meteo sfavorevoli invernali”.

Olivieri ricorda inoltre come la chiusura del Consultorio di Calizzano risalga al 2010: “Le ripetute richieste in questi tre anni indirizzate alla Direzione ASL hanno messo in luce l’impossibilità di ripristinare il Consultorio, rilevandosi al contempo invece l’opportunità di potere mirare ad uno Studio Pediatrico secondario a discrezione volontaria dello Specialista Pediatra, concretizzandosi ora detta possibilità a seguito della assunzione dell’incarico da parte della dottoressa Nigro nel Distretto delle Bormide, divenuto vacante proprio all’inizio del 2016. Il Direttore del Distretto delle Bormide, la Dottoressa Emilia Calderino ha da subito preso in carico la problematica sottoposta dal nostro territorio e si è adoperata con estrema professionalità, disponibilità concreta e supporto operativo, affinché si potesse arrivare ad una positiva conclusione”.

“Ottenuta la disponibilità del Pediatra e le autorizzazioni ASL necessarie per la apertura dello Studio Secondario presso il Distretto di Calizzano desideriamo ringraziare a nome di tutta la comunità la Direttrice Dottoressa Calderino e i dottori Dessì e Zunino, responsabili rispettivamente di Struttura Complessa e Struttura Semplice della Medicina di Base dell’ASL, che con il loro contributo decisionale hanno consentito di avere un servizio molto importante per i nostri territori decentrati – afferma il sindaco – Da parte mia un ringraziamento particolare al nostro assessore Annalisa Biano, che ha fatto proprio questo lavoro e questo obiettivo, diventata come si suol dire una ‘mission’, e che nel tempo, oltre tre anni, non ha desistito, raggiungendo con tenacia e convinzione questo obiettivo”.

“Si tratta, e qui parlo in particolare della amministrazione calizzanese, di uno dei risultati più importanti del nostro mandato amministrativo – prosegue Olivieri – vero, tangibile, risposta concreta ad una esigenza del territorio, la riconquista di un servizio per la nostra comunità, risposta reale a chi vuole e desidera vivere nei nostri paesi. Dimostrazione che la sinergia e la collaborazione tra Enti Territoriali ed istituzioni superiori, nel caso sanitarie, possono consentire di risolvere i problemi, ancora di più in un settore fondamentale e in complessiva difficoltà, come quello della salute”.

“Non ci resta ora che dare il benvenuto e augurare ottimo lavoro alla dottoressa Nigro – conclude il sindaco – e ottima salute ai nostri piccoli”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.