IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tre ambiti e tre gestori: i sindaci della Provincia approvano il “piano rifiuti”

In occasione dell'assemblea dei sindaci di oggi la Provincia ha anche annunciato la proprie decisioni in merito alle quote di Tpl-Acts

Provincia. Tre ambiti e tre gestori che metterà in atto economie di scala che comporteranno un notevole risparmio per le casse degli enti locali. E’ questa la decisione arrivata al termine dell’assemblea dei sindaci tenutasi questa mattina nella sede di Palazzo Nervi a Savona per quanto riguarda la suddivisione del territorio provinciale dal punto di vista della gestione dei rifiuti.

assemblea sindaci

La scelta dei tre ambiti è arrivata al termine di una votazione molto partecipata (la discussione più “accesa” ha riguardato la collocazione della linea di demarcazione tra un ambito e l’altro) che ha visto il sindaco di Plodio Gabriele Badano grande “mattatore”: il primo cittadino dal paesino della Valbormida, infatti, è stato uno dei più strenui sostenitori della linea condivisa poi anche dagli altri suoi colleghi.

La mappa dei tre ambiti è attualmente in fase di elaborazione e dovrebbe essere pronta entro pochi giorni, ma intanto la presidente della Provincia Monica Giuliano è soddisfatta di aver portato a casa il risultato: “E’ stato un grandissimo confronto, molto democratico, votato e partecipato – commenta il numero uno di Palazzo Nervi – Abbiamo ottenuto un grande risultato: siamo partiti da un’ipotesi che prevedeva cinque o sei ambiti e siamo arrivati all’approvazione di tre ambiti ottimali (levante, savonese e ponente) con un indirizzo molto chiaro da parte delle comunità”.

“Ora – prosegue – siamo prontissimi ad approntare il piano d’area e portarlo in Regione. E’ questione di settimane. Il passo più importante l’abbiamo fatto: abbiamo messo la parola fine ad una pratica di enorme rilevanza: un gestore unico per ciascuno dei tre bacini permetterà di mettere in atto economie di scala molto rilevanti”.

STRINATI

Sempre in occasione dell’assemblea dei sindaci di questa mattina, il presidente di Tpl Linea Claudio Strinati è intervenuto sulla gestione del servizio di trasporto pubblico locale a seguito della fusione con Acts. In quell’occasione la Provincia ha comunicato la propria intenzione di “uscire” dalla società e quindi di dismettere le quote in suo possesso.

“Per noi era un passaggio fondamentale – spiega ancora Monica Giuliano – Attendiamo di conoscere il piano di razionalizzazione delle spese anticipato da Strinati: alcune ipotesi di risparmio potranno essere impiegate per coprire i 250 mila euro annui che la Provincia investiva in una funzione propria che oggi non c’è più.”

“Dopo aver reso nota la nostra intenzione di dismettere le nostre quote – chiosa Giuliano – nel giro di poche settimane comunicheremo ai sindaci la volontà di dismettere la nostra quota e daremo la possibilità a loro di intervenire. Il diritto di prelazione per rilevare le quote spetta agli enti locali, che potranno farne richiesta senza problemi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.