IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scoppio di Arnasco, l’autopsia conferma: la sesta vittima investita da una vampata di fuoco fotogallery video

Alatagracia Nurys Vargas Rivera stroncata da un'infezione causata dalle gravissime ustioni sull'80 % del corpo

Più informazioni su

Arnasco. E’ stata la gravità delle ustioni, diffuse sull’80 per cento del corpo, a stroncare Alatagracia Nurys Vargas Rivera, la sesta vittima del drammatico crollo di Arnasco. A stabilire le cause della morte della donna è stato l’esame autoptico effettuato dal medico legale Marco Canepa nel pomeriggio di oggi.

L’autopsia ha confermato la gravità delle lesioni riportate in seguito all’esplosione nella palazzina: la vittima è stata stroncata dall’infezione (uno stato “settico generalizzato”) sorta come conseguenza dell’ampia area di ustionatura e dalla conseguente insufficienza renale. L’esame del dottor Canepa avrebbe anche confermato che la signora Rivera si stata investita da una vampata di fuoco e poi avvolta dalle fiamme.

La signora Rivera è scomparsa mercoledì mattina all’ospedale Villa Scassi di Genova dove, da dieci giorni, era ricoverata nel reparto Grandi Ustionati (l’autopsia ha anche confermato la bontà delle cure dei sanitari genovesi che hanno tenuto in vita la paziente nonostante una situazione critica). Le condizioni della donna, conosciuta come “Claudia” (era nata il 2 settembre 1959 nella Repubblica Dominicana) infatti erano apparse subito disperate: aveva ustioni sull’80 per cento del corpo.

Intanto, dopo il sopralluogo di martedì con il consulente nominato dalla Procura, il professor Luca Marmo, le indagini sull’esplosione procedono senza tregua. Per ora gli unici indagati sono i proprietari della palazzina, i coniugi Giovanni Accame e Margherita Toia, per legge i responsabili della manutenzione degli impianti. Tra l’altro, proprio alla luce dei primi accertamenti sarebbero emerse irregolarità nell’impianto a Gpl, che non sarebbe stato a norma, ma anche alcuni abusi di natura edilizia (in particolare gli alloggi sarebbero stati modificati rispetto alla costruzione originaria).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.