IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da ponente plauso per Cristina Battaglia: “Modello De Vincenzi anche a Savona”

Villanova d’Albenga. “Apprendiamo con interesse la possibile candidatura di Cristina Battaglia alle prossime amministrative del comune di Savona”. Nelle polemiche create a Savona dalla “mossa” del segretario provinciale Fulvio Briano, che per tentare di evitare le primarie tra Di Tullio, Maricone, Pasquali e Saccone ha lanciato la candidatura di Cristina Battaglia, arriva una “mano tesa” da ponente: è quella di Iuri Patrone, segretario del Pd di Villanova d’Albenga e comprensorio.

“Consci del fatto che le sorti della città capoluogo interessano sostanzialmente tutta la Provincia, come ebbi già modo di dire – scrive Patrone – sembra che un segnale di discontinuità con il visto e rivisto possa essere rappresentato da chi si è distinto per competenze prima professionali che politiche. Resta il giudizio positivo sull’uscente amministrazione Berruti ma è sicuramente innovativa la volontà di cercare oltre il fortino dei soliti noti ‘campioni’ del Partito Democratico”.

“Ci aspettiamo che il futuro candidato, al fine di creare il consenso necessario a rendere forte il suo nome, sappia presentare e articolare la propria visione della città attraverso un dialogo franco, articolato e capillare come fece a suo tempo il modello che ha vinto a ponente e rappresentato da Luigi De Vincenzi”, conclude Patrone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da menabèlìn

    Belin! cun l’assist du impurtantisscimu circulu de Villanova a semmu a postu!…
    Invecce de stà sitti e sercà de dimenticase de l’esperiensa falimentare de reggiunali g’ei ancuun u curaggiu de ricurdà che in tu savunese ei ciappoun na salaccà mai vista?

  2. Scritto da tmax500

    Vero Pinco. Chi continua a prendere ad esempio ciò che è successo a Pietra Ligure in quegli anni , facendo analisi sbagliate e volendo prendersi meriti partitici che non si hanno dimostra di non avere ne capacità di ragionamento ne programmatica. La trasversalità che unì allora il centrodestra al centrosinistra minoritario in Pietra Ligure nacque sull’ esigenza di anteporre alla Lega data per vincente , una proposta alternativa e sufficientemente portatrice di voti, solo dopo , causa un centrodestra locale diviso e non rappresentato da alcuni ai vari livelli , lo stesso si trovò costretto a far di necessità virtù, restando fedelmente al suo posto e partecipando più alle scelte sbagliate (deaziendalizzazione S.Corona) che a quelle non fatte (cantiere, ponte maremola. ecc..) Quindi esperimento impossibile da ripetersi.

  3. pinco
    Scritto da pinco

    A ponente ha vinto un modello che è stato cavalcato dal PD ma che di piddino non ha nulla. Ora il PD savonese in regione è rappresentato da un politico eletto con 6.000 voti suoi personali che non appartengono al PD. Per questo motivo il territorio da lui si aspetta decisioni personali e NON calate dal partito. Queste cose l’interessato le sa bene e infatti, saggiamente e per riconoscenza, non manca mai di ricordare che rappresenta il territorio.
    Piaccia o no.
    Quindi, c’è poco da reclamizzare …
    Sul fatto che le sorti di Savona abbiano un qualche riflesso sul territorio in parte è vero ma non ne farei una questione di stato. Il secondo centro in ordine di importanza è proprio il nostro, Albenga, la quale può e deve avere un ruolo antagonista contro lo strapotere di un capoluogo che … “vorrebbe ma non può..” e che ha sempre mostrato avversità verso l’estremo ponente così come La Superba ne ha sempre aviuto per Savona.
    Sono certo che gli insuccessi sinistri savonesi come la piattaforma la centrale etc. riverbereranno sulle elezioni e che gli strascichi della perdita della storica roccaforte rossiccia potranno arrivare anche ad Albenga, per liberare finalmente il savonese.

    :-)