IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

La foto dei Lettori di IVG.it

Quel marciapiedi tra Savona e Albissola che non esiste più

Lettera di Paolo Forzano: "Poteva essere una promenade come a Nizza, ed invece..."

L’Aurelia tra Albissola e Savona potrebbe essere una promenade come a Nizza, invece i marciapiedi sono continuamente ristretti.

Da ragazzo abitavo ad Albissola ed andavo sempre a scuola in bicicletta a Savona, transitando sul marciapiedi lato mare che allora era tutto bello largo, circa 2 metri e mezzo, per l’intero tratto da Albissola a Savona.

In seguito il comune di Albissola ha realizzato una fioriera di divisione dalla strada, restingendo discretamente la larghezza del marciapiedi.

vecchia aurelia savona albissola

In comune di Savona sono state ricavate diverse aree per la fermata autobus a scapito del marciapiedi; in zona via Scotto il marciapiedi è stato interrotto per realizzare le vie di accesso al porto, e prima e dopo queste rampe, il marciapiedi è stato rastremato, riducendolo ad un marciapiedi di emergenza.

In quelle poche altre zone in cui il marciapiedi ha mantenuto la sua larghezza originale, viene usato come parcheggio: Funivie, Rio termine.

L’unico tratto ancora usato come in origine era quello dalla Torretta alle Funivie, ma ho constatato che buona parte di questo è stato sacrificato recentemente per uno degli ennesimi esperimenti sulla circolazione stradale alla Torretta.

vecchia aurelia savona albissola

Abbiamo visto in passato anni di esperimenti che sono stati battezzati in vario modo, banane, pere, ecc, ma che al di là della bontà del frutto hanno solo causato grandi disagi al traffico.

Ora credo che creare una corsia in più possa creare più problemi che benefici.

Infatti se teoricamente, per chi ha ideato la cosa, una corsia in più in accesso a Savona accorcia la coda di auto da Albissola, questa corsia crea sicuramente maggiori conflitti nella confluenza dei flussi veicolari in piazza Leon Pancaldo, e quindi paradossalmente magari allunga quella coda che avrebbe dovuto accorciare; inoltre la realizzazione di questa corsia in più va a scapito dell’area centrale tra le due corsie, che da anni era usata per le ambulanze e per altri mezzi di emergenza.

vecchia aurelia savona albissola

Ma al di là delle considerazioni viarie, la mia constatazione è che 50 anni fa esisteva un bel marciapiedi da Savona ad Albissola. Ora praticamente non esiste più.

Alcuni giorni fa ho visto un gruppo di turisti stranieri, probabilmente crocieristi in attesa di partire, che si fotografavano con lo sfondo della nave Costa Crociere, e stavano a stento su quella parvenza di marciapiedi, con le auto che transitavano mezzo metro dietro, e mi sono detto: ma come è possibile!

Ed ho pensato con rabbia che a Nizza in Francia esiste un marciapiedi… in riva al mare lungo chilometri e largo ben 16 metri, realizzato in semplice asfalto rosso, ma che meraviglia!

Paolo Forzano

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. sudor
    Scritto da sudor

    Per una volta sono pienamente d’accordo con Forzano.
    Il tratto fra Savona e Albisola si può solo descrivere in questo modo: FA SCHIFO.
    Tutto sacrificato all’altare della solita AUTOMOBILE che ha devastato tanti altri angoli della nostra città.
    Ma se il giorno che l’ Aurelia bis sarà aperta….perché non riportare tutto come era un tempo? una meravigliosa passeggiata sul mare dove…certo, anche le biciclette potranno circolare!!!!!!!

  2. Bandito
    Scritto da Bandito

    Ma bravo Forzano, andavi in bicicletta sul marciapiede? Vergogna.