IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Provincia: diminuiscono gli infortuni sul lavoro, si dimezzano gli incidenti mortali sulle strade

Savona. Si è tenuta oggi in Prefettura una riunione della conferenza provinciale permanente con due temi all’ordine del giorno: la sicurezza nei luoghi di lavoro e gli infortuni stradali. Alla riunione, presieduta dal viceprefetto vicario Giuseppe Montella, hanno preso parte i rappresentanti delle forze dell’ordine, degli enti locali territoriali, degli uffici pubblici interessati, dei sindacati e delle associazioni di categoria.

Per quanto concerne il primo punto all’ordine del giorno, gli esponenti dell’INAIL e della ASL hanno compiuto un’ampia disamina delle competenze di quegli Uffici in materia di incidentalità e tutela della sicurezza nei luoghi di lavoro, materia di primario interesse che impone la massima attenzione delle autorità competenti. Sulla base dei dati esposti, si registra un decremento degli infortuni sul lavoro, che passano da 2980, nel 2010, a 2100, dato ultimo disponibile riferito al 2014.

L’analisi statistica del dato consente di rilevare che la diminuzione non è dovuta soltanto all’incidenza della crisi economica nel mercato del lavoro, ma anche all’opera di prevenzione svolta nell’ultimo quinquennio, tra l’altro mediante specifiche iniziative che hanno coinvolto scuole, associazioni di categoria ed enti locali. I settori di attività maggiormente interessati dal fenomeno, risultano, in prevalenza, quelli dell’edilizia, dell’agricoltura e della sanità. Per quanto riguarda le iniziative da intraprendere per ridurre il fenomeno, è stato evidenziato che l’INAIL propone finanziamenti, attraverso i bandi ISI, che prevedono erogazioni in conto capitale alle aziende che investono per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per quanto concerne il fenomeno degli incidenti stradali, la riunione ha costituito l’occasione per condurre un esame dettagliato della incidentalità nella provincia. I dati esposti dal Comandante della locale Sezione Polizia Stradale, evidenziano, nel biennio 2013-2014, un leggero decremento sia del numero complessivo dei sinistri (- 0,69%), sia di quelli con feriti (- 2,21%) ed un forte calo di quelli conclusi con esito mortale (-52,3%). Il trend risulta confermato anche per il primo semestre del 2015.

Le cause degli incidenti vanno rintracciate principalmente nell’eccesso di velocità, le cui contestazioni sono aumentate nel periodo di riferimento, mentre resta sostanzialmente invariato il numero di incidenti dovuti a guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e psicotrope. Da evidenziare, al riguardo, che il tasso di mortalità nella provincia di Savona resta comunque sotto la media nazionale. Con riferimento alla distribuzione territoriale, i dati confermano una prevalenza di eventi infortunistici nei centri urbani e nelle strade costiere, che vedono una maggiore circolazione veicolare.

Come per gli incidenti sui luoghi di lavoro, anche per l’incidentalità stradale è fondamentale il ruolo svolto dalla prevenzione. In tal senso, in seno alla Conferenza sono state illustrate le iniziative poste in essere dalla Polizia Stradale in materia di prevenzione, formazione e vigilanza sul tema specifico della sicurezza stradale. In particolare, il progetto Icaro 15 ha coinvolto oltre tremila studenti, provenienti dalle scuole di ogni ordine e grado, con l’obiettivo di far comprendere ai giovani l’importanza del rispetto delle regole, promuovendo una cultura della legalità per evitare che i ragazzi assumano comportamenti pericolosi, causa principale degli incidenti stradali che per loro rappresentano la prima causa di morte. Sono state inoltre segnalati i progetti formativi organizzati in ambito provinciale in collaborazione con Rotary, Aci e Lyons, che costituiscono importanti occasioni per lo sviluppo dell’educazione stradale.

Per quanto concerne, nello specifico, l’attività dell’Osservatorio provinciale, sono allo studio progetti che consentiranno, mediante una più incisiva informatizzazione delle procedure, una implementazione dell’efficienza dei controlli e della pianificazione dei servizi di vigilanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.