IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra Ligure, nuovo ponte sul Maremola: i fondi ci sono, opera completata entro il 2018 fotogallery

Sopralluogo dell'assessore regionale Giampedrone e vertice in Comune con il sindaco Valeriani

Pietra Ligure. Sono passati 12 anni da quando con la vittoria alle elezioni comunali di Luigi De Vincenzi si fermava la costruzione del ponte che avrebbe dovuto collegare viale della Repubblica con l’altra sponda del torrente Maremola a Pietra Ligure.

Giampedrone, ponte sul Maremola

Da allora i cittadini pietresi hanno vissuto con l’opera incompiuta e pagato gli interessi di un mutuo, quasi 1 milione di euro, che l’amministrazione comunale guidata da Accame aveva acceso per le risorse necessarie alla realizzazione dell’opera.

Oggi la svolta, l’assessore all’ambiente Giacomo Giampedrone ha incontrato il sindaco Dario Valeriani assieme al capogruppo FI in Regione, Angelo Vaccarezza, e al consigliere regionale del Pd Luigi De Vincenzi: al termine della riunione in Comune ha confermato la possibilità che la Regione possa finanziare il 70% del costo del progetto, che nel frattempo non è più quello originale, ma più snello ed economico, quindi con maggiori margini di fattibilità. 

Giampedrone, ponte sul Maremola

Da parte della Regione dovrebbe arrivare il 70% delle risorse, circa 3 mln di euro, altri 600 mila euro dovranno essere reperiti dalle casse comunale e definire così la progettazione definitiva: “Questo territorio è da molti anni che aspetta quest’opera e oggi abbiamo sancito un impegno concreto per realizzare il progetto” ha commentato l’assessore Giampedrone.

“E’ un’opera fondamentale per i pietresi e i cittadini della Val Maremola. Ci sono le possibilità di mettere in campo un progetto operativo e fattibile anche finanziariamente: Regione e Comune faranno la loro parte” ha detto Vaccarezza.

“Dopo contenziosi legali, un vecchio progetto sbagliato, troppo impattante e costoso, ora possiamo finalmente iniziare l’iter di un’opera attesa da tempo da pietresi e dall’intera vallata: un passo davvero importante che mi spero possa portare nei tempi indicati ad avere finalmente il nuovo ponte e unire le due strade che costeggiano il fiume” ha evidenziato De Vincenzi.

“Sarebbe bello inaugurare il nuovo e atteso ponte sul Maremola in questo mandato amministrativo – ha aggiunto il sindaco Valeriani – La cosa principale era riuscire a sbloccare questa situazione, trovando finalmente una prospettiva fattibile, con l’aiuto della Regione, per arrivare entro l’anno ad un progetto definitivo con l’adeguata copertura finanziaria”.

Vaccarezza Giampedrone Visita Tovo

In seguito Giampedrone e Vaccarezza si sono spostati a Tovo San Giacomo dove, insieme al sindaco Alessandro Oddo e al funzionario del settore Ambiente Luciano Cesio, si è svolta la verifica dello stato dei lavori della frana sulla strada provinciale 4 Pietra-Tovo-Magliolo in località Ponte delle Grazie. L’ultima visita si è svolta a Giustenice dove, insieme al sindaco Mauro Boetto, il gruppo ha raggiunto la strada Pianazzo Ca’ Lodi, attualmente chiusa al traffico a causa di una frana per poi spostarsi sul ponte del Rio Armengo, sulla strada provinciale all’inizio della frazione San Lorenzo.

Ha detto il sindaco di Giustenice Mauro Boetto: “Ringrazio personalmente, anche a nome dell’amministrazione comunale di Giustenice, l’assessore regionale Giampedrone e i consiglieri De Vincenzi e Vaccarezza per la visita istituzionale finalizzata soprattutto alla possibilità di ottenere un finanziamento che possa permettere al più presto la riapertura della strada intercomunale che collega Giustenice con Pietra Ligure (zona casello autostradale). Tale strada, colpita da un importante movimento franoso alla fine dell’anno 2013, è tuttora chiusa al traffico veicolare con un’ordinanza dell’ufficio tecnico”.

Altrettanto importante per il Comune di Giustenice è l’ampliamento del ponte posizionato su Rio Armengo: “La strada provinciale in questo punto è molto stretta e non permette il doppio senso di circolazione, inoltre mezzi di grosse dimensioni non possono transitare e molte volte, guidati dai navigatori satellitari, rimangono incastrati procurando così ingenti danni alle protezioni della stessa strada provinciale”.

Vaccarezza Giampedrone Visita Giustenice

“A dicembre dello scorso anno è stato approvato dalla Provincia di Savona il progetto definitivo ed esecutivo di ripristino e sistemazione della strada – ha ricordato il sindaco Alessandro Oddo – Giampedrone ha confermato e ribadito l’impegno della Regione nel finanziare l’opera (350 mila euro), cosa che avverrà utilizzando i fondi delle accise non appena deliberato il bilancio regionale. Ringrazio per l’interessamento e la vicinanza al territorio i consiglieri regionali Angelo Vaccarezza e Luigi De Vincenzi, che a novembre aveva formulato in consiglio regionale un’interpellanza sull’argomento”.

“Ancora una volta – ha concluso Vaccarezza – la Regione ha mostrato una grandissima attenzione per il nostro territorio: è importante reperire le risorse economiche per la tutela delle zone fragili e, laddove necessario, rimettere in sicurezza le nostre infrastrutture. Attenzione, cura, rapidità nell’esecuzione dei lavori sono gli elementi di cui una terra di emergenza come la Liguria ha bisogno. Con la giunta Toti il vento è finalmente cambiato”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da El Rey del Mundo

    Se qualcuno non si “ciulla” prima i soldi stanziati può essere che nel 2021 il ponte sia terminato. Non volete mettere già in preventivo almeno un paio di fallimenti delle imprese assegnatarie ai lavori?! Orsù!