IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piano Casa, Scajola agli ambientalisti: “Accuse da disinformati o da chi è in malafede”

Dalla parte degli ambientalisti si è schierata il sottosegretario Ilaria Borletti: "Il Piano Casa non venga applicato ai parchi regionali e nazionali"

Regione. La giunta Toti respinge al mittente le accuse al Piano Casa lanciate dai presidenti nazionali del Fondo Ambiente Italiano, Italia Nostra, Legambiente, Lipu, Birdlife Italia e Wwf Italia che hanno invitato i presidenti dei dieci parchi nazionali e regionali della Liguria a non applicare le disposizioni contenute nella legge approvata il 22 dicembre scorso dall’Assemblea Regionale.

L’assessore all’urbanistica, pianificazione territoriale e edilizia Marco Scajola dice: “Il Piano Casa è stato voluto dai liguri, è uno strumento sano, trasparente, che rispetta l’ambiente, e il paesaggio e aiuta la riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente. La legge rappresenta una possibilità in più per rilanciare e riqualificare l’intero territorio , parchi compresi. Chi sostiene il contrario, o è in malafede, cosa più probabile, o completamente disinformato”.

Dalla parte degli ambientalisti si è schierata il sottosegretario al ministero dei beni culturali e del turismo con delega al paesaggio Ilaria Borletti, che sul Piano Casa dice: “Come presidente dell’Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio non posso che condividere l’allarme lanciato questa mattina da tutte le più rappresentative associazioni ambientaliste italiane sull’impatto che la nuova legge sul Piano Casa della giunta regionale della Liguria potrà avere sulla tutela delle aree protette di quella regione, il cui territorio ha già drammaticamente mostrato la propria fragilità”.

“Nella lettera inviata da Fai, Italia Nostra, Wwf, Lipu e Legambiente ai presidenti dei parchi nazionali e regionali , infatti, si chiede con allarme e giusta urgenza che nelle loro aree protette non siano applicate le nuove norme del Piano Casa regionale, che consente anche lì interventi di ampliamento e di mutamento di destinazione d¹uso di fabbricati non residenziali. I parchi sono infatti ciò che di più prezioso e tutelato abbiamo in merito ai beni paesaggistici”.

“Se dovesse passare la concezione che perfino queste aree protette, già istituite, possano essere a rischio di interventi invasivi, questo non solo sarebbe in contraddizione con lo spirito e con gli obbiettivi della legge sul consumo di suolo che presto arriverà in Parlamento, ma costituirebbe un precedente pericoloso per tutto il paesaggio italiano. La Liguria ha nel suo paesaggio una straordinaria ricchezza, che se valorizzata e prima di tutto tutelata può essere volano di turismo e sviluppo per il territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.