IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La strada delle tragedie, dove non funzionano cellulari e colonnine Sos fotogallery video

In questi anni sono stati tantissimi gli incidenti, anche gravi, avvenuti nel tratto della variante del mulino

Altare. Quello di oggi non è il primo grave incidente che avviene all’interno delle gallerie della variante del mulino, inaugurata dall’allora ministro Scajola nel giugno 2009. In questi anni sono stati tantissimi gli incidenti, anche gravi, avvenuti nel tratto: l’ultimo quest’estate, quando era deceduto il commerciante carcarese Daniele Torelli.

Nel tratto di 4 chilometri che va dal ponte della Volta all’inizio del rettilineo che conduce al casello autostradale di Altare, sino ad intersecarsi con la provinciale 29 del Colle di Cadibona poco dopo il sottopasso di San Giuseppe, le colonnine Sos non hanno mai funzionato e la ricezione dei telefoni cellulari di fatto non hanno ricezione se non in minima parte, e non all’interno delle gallerie.

Su IVG.it abbiamo più volte raccontato del disservizio, l’ultima volta nel 2013, ma i primi articoli risalgono a pochi giorni dopo l’inaugurazione quando, a seguito di una segnalazione di un lettore, verificammo di persona il disservizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vittorio R.

    Sono diversi anni che i sistemi di sicurezza in tale galleria sono inefficienti (colonnine SOS ed idranti inattivi). Già in data 03.05.2010 è stato caricato su youtube un filmato nel quale si attesta tale disservizio. I responsabili della provincia anzichè provvedere a mettere in sicurezza tale galleria si sono solo preoccupati a spendere soldi inutili per fare cartelli indicanti tali disservizi, forse per lavarsi la coscienza. Se dovesse capitare un sinistro come quello di ieri 08.01.2016, molto più all’interno della galleria e con eventuali altri automobilisti bloccati in colonna ed impossibilitati a chiedere un soccorso immediato (colonnine SOS inattive e cellulari senza campo), quali sarebbero
    le conseguenze? Ricordiamoci che in tale tratto transitano diversi autobus che collegano Savona con la Valbormida e trasportano studenti e operai. Altro dubbio è quello che tale arteria viene percorsa giornalmente da Vigili del Fuoco, Polizia e Carabinieri, perchè tali organi di vigilanza e prevenzione non provvedono a fare chiudere al transito tale arteria se mancano i requisiti (obbligatori)previsti dalle normative europee?, segnalando i responsabili della sicurezza dell’ANAS alla Magistratura e Prefettura. Se eventuale problematica di sicurezza tali organi di vigilanza la dovessero riscontrare in un locale da ballo, il giorno successivo verrebbe disposta la chiusura. Spero che non debba accadere altra disgrazia come quella del Monte Bianco per avere un intervento decisivo delle competentì Autorità che fino ad oggi si sono dimostrate latitanti!!