IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale tira dritto sulla trasformazione delle RTA: si torna in Consiglio comunale

Dopo la "bocciatura" della Regione ecco le modifiche alla variante del Puc

Finale L. E’ in dirittura d’arrivo, all’esame del Consiglio comunale del prossimo 21 gennaio, la pratica sulle trasformazioni delle RTA – Residenze Turistiche Alberghiere – a Finale Ligure, un provvedimento finito al centro delle polemiche per la “bocciatura” arrivata dalla Regione in quanto avrebbe ridotto all’osso le strutture ricettive presenti sul territorio. Si tratta di 11 strutture costruite prima del 2008, che potranno essere riconvertiti in appartamenti, con il relativo cambio di destinazione d’uso.

Insomma la maggioranza della giunta Frascherelli tira dritta sulla pratica, dopo le integrazioni e modifiche richieste dall’ente regionale e che erano già state al centro di un incontro tecnico in Regione.

In caso di approvazione in Consiglio comunale la variante al Puc decisa dalla giunta Frascherelli dovrà nuovamente passare al vaglio della Regione Liguria per un ok finale. “Introduciamo un provvedimento che credo possa garantire uno stesso trattamento tra alberghi e residenze turistiche, abbiamo ragionato con la Regione e siamo convinti di essere arrivati ad una soluzione positiva: ci sono parametri e indicatori molto più stretti sull’eventuale procedura di riconversione e non ci sarà alcuna ripercussione sul” commenta il sindaco di Finale Ugo Frascherelli.

La variante, che consente un cambio di destinazione d’uso, potrebbe portare nelle casse dell’amministrazione comunale gli oneri di urbanizzazione necessari per finanziare alcune delle principali opere pubbliche previste sul territorio comunale. Dall’amministrazione comunale, tuttavia, non vogliono enfatizzare questo aspetto: “Non ci sarà alcuna liberalizzazione come si dice, bensì il provvedimento va nella direzione di contenere i cambi di destinazione d’uso tutelando al massimo la valenza turistica di Finale” sottolinea l’assessore all’urbanistica Marinella Orso.

“”Si parte con una riconversione parziale della struttura (30-40% della superficie), valutandone i criteri di economicità prima dell’ok alla nuova soluzione edilizia, in caso contrario si procede ad una analisi sulla possibile riconversione totale. Ci sono una pluralità di condizioni e obblighi, senza contare il limite di 50 metri quadri per la realizzazione di alloggi. E’ stata adottata una scelta di equilibrio” conclude l’assessore Orso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.