IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, espropri agricoli per il ponte sul Pora: esposto di un ex proprietario

Una cessione mai completata e il Comune deve pagare ancora il 20%

Finale Ligure. Qualcosa non torna negli espropri dei terreni agricoli per la realizzazione del nuovo Ponte sul Pora a Finalborgo lungo la provinciale 490. Nelle zone adiacenti alla nuova infrastruttura l’amministrazione comunale aveva proceduto a degli espropri privati di aree agricole, ma sembra che il Comune non abbia ancora pagato proprio tutti: è il caso di E.C., proprietario di un terreno vicino al cimitero al quale spetta ancora il 20% della cifra pattuita per l’esproprio.

Il problema è anche di natura giuridica: non essendo ancora completata la cessione completa del terreno non è possibile perfezionare l’atto notarile che rimane in sospeso. Numerosi sono stati i solleciti scritti dell’agricoltore inviati al Comune, l’ultimo nell’estate scorsa: dall’amministrazione comunale ancora nessuna risposta ufficiale. E il vecchio proprietario, vista la pesante situazione di stand by, ha presentato anche istanze legali senza esito e per questo ha presentato un esposto sul suo caso. A suo carico, infatti, continuano ad arrivare le tasse sul terreno agricolo e che sulle imposte pare non possa più avvalersi sul Comune.

La questione degli espropri dei terreni e di alcune criticità emerse a danno degli ex proprietari era stata sollevata dal Movimento 5 Stelle di Finale Ligure in un recente Consiglio comunale, con risposte giudicate vaghe da parte dello stesso sindaco Ugo Frascherelli: nel mirino ci sarebbero altri casi ancora pendenti sia a Finalborgo che Finalpia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro Pollini

    Viste le tante, troppe criticità di questo ponte, che da un paio di anni sembra essere diventato il pomo della discordia di cittadini e istituzioni, proporrei di ripristinare lo status quo e di riaprire definitivamente a doppio senso il ponte di Porta Testa, così da restituire dignità all’amministrazione e risollevare le varie officine ed edifici commerciali gravemente danneggiati da questa maldestra opera architettonica.