IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ex finanziere travolto e ucciso, folla commossa ai funerali: “Giuseppe vive dentro di noi” fotogallery video

Grande commozione per l'ultimo saluto a Giuseppe Buttaro

Albisola Superiore. Folla composta per l’ultimo saluto a Giuseppe Buttaro, 59 anni, l’ex finanziere del Roan in pensione, ucciso domenica scorsa dall’automobilista drogato e ubriaco in via Canepari a Genova. Silenzio e commozione nel corso della cerimonia funebre che si è svolto al Santuario della Pace di Albisola Superiore: amici ed ex colleghi del finanziere si sono stretti attorno ai familiari e parenti nell’ultimo saluto al 59enne albisolese. Presente in rappresentanza del Comune anche l’assessore Roberto Gambetta, che ha portato le condoglianze dell’amministrazione comunale albisolese.

Funerale Buttaro

Durante l’omelia il parroco don Italo ha ricordato la figura di Giuseppe: “Ci troviamo attorno alle sue spoglie mortali come segno del nostro affetto verso di lui e di partecipazione al dolore dei familiari. Ci uniamo tutti in questo momento a rinnovare le nostre condoglianze alla moglie Milena, alla madre Anna, ai figli Sara e Matteo”.

“Gli ex colleghi di Giuseppe lo ricordano come persona che conosceva bene l’arte marinaresca, e come maestro per generazioni di finanzieri – ha aggiunto ancora il parroco -: un punto di riferimento per tutti, un esempio di senso del dovere e abnegazione”.

“Giuseppe diceva – ha ricordato don Italo -: ‘Ora sono in pensione, posso finalmente occuparmi della mia famiglia’, ma non per questo aveva dimenticato gli ex colleghi e il suo lavoro nella Guardia di Finanza al quale era rimasto legato”.

“Non ci sono parole per esprimere il dolore profondo che proviamo e devo dire che sono stato colpito dall’umanità dei familiari di Giuseppe. Gesù ha detto che chi crede in lui non morrà in eterno: sentiamo vivo Giuseppe dentro di noi, lui ci sentirà sempre. La fede nel Cristo morto e risorto ci dà forza per continuare a vivere nonostante tutto, nonostante le prove della vita che dobbiamo affrontare: dall’alto viene la forza, nonostante le nostre miserie e i nostri peccati la Misericordia di Dio è pronta a venirci incontro. Sforziamoci di vivere con questa speranza” ha concluso don Italo.

Nel corso della cerimonia funebre toccanti le parole del nipote scritte in una lettera dedicata al nonno scomparso. All’uscita della bara, con l’ultima benedizione, lacrime e disperazione dei familiari: la salma di Giuseppe Buttaro sarà cremata e condotta nella tomba di famiglia presso il cimitero di Gaeta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.