IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Espansione Ata, sì dal Consiglio comunale. Vaggi: “Passo importante per lo sviluppo dell’azienda”

Entrano in società 25 comuni dell'imperiese oltre a Erli, Zuccarello e Castelvecchio di Roccabarbena

Savona. L’espansione di Ata, la società partecipata del Comune savonese, ai comuni del ponente e dell’imperiese è stata tra i temi caldi del Consiglio comunale di oggi pomeriggio a Savona. Nello specifico all’esame del parlamentino savonese le modifiche statutarie e della compagine sociale con l’ingresso di 25 comuni dell’imperiese e dei comuni di Erli, Zuccarello e Castelvecchio di Roccabarbena, in provincia di Savona.

consiglio comunale savona

L’espansione di Ata nel servizio di raccolta e gestione dei rifiuti è stata approvata con 20 sì, 7 no e un astenuto. “E’ una buona notizia per noi e per gli amministratori che hanno creduto nella nostra azienda. I lavoratori credo siano altrettanto soddisfatti in quanto le garanzie che può fornire una società pubblica sono uniche e importanti. E da oggi si comincia a lavorare con più serenità allo sviluppo dell’azienda” sottolinea il presidente di Ata spa Sara Vaggi, presente al dibattito in Consiglio comunale.

“I dubbi sollevati anche in commissione erano infondati in quanto Ata ha messo in piedi per ogni comune un piano d’impresa preciso e non ci saranno aumenti di costi per i cittadini o altro. Le critiche non le abbiamo mai comprese e siamo disponibili a fornire tutti i dati”.

“Su molti comuni stiamo già lavorando per ordinanza sindacale e da domani lavoreremo per l’ingresso in house delle amministrazioni comunali interessate nella società con l’acquisizione delle relative quote: ora con questa votazione possiamo iniziare operativamente questo percorso” conclude Sara Vaggi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.