IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Droga nascosta nei boschi di Ortovero e poi spacciata: condannato a 5 anni e 10 mesi

A giudizio c'era un marocchino finito in manette nel 2007 nell'ambito di un'operazione antidroga della guardia di finanza

Più informazioni su

Ortovero. Nel 2007 era finito in manette con l’accusa di detenzione e spaccio di droga nell’ambito di un’operazione della guardia di finanza che era stata battezzata “Frutti di bosco” proprio perché lo stupefacente era nascosto in una zona boschiva di Ortovero. Per quella vicenda, questa mattina, Cherkaoui Cafrida, un marocchino classe 1971, è stato condannato a cinque anni e dieci mesi di reclusione e ventimila euro di multa.

Secondo l’accusa che gli veniva contestata, nel marzo 2007, il nordafricano aveva ceduto diverse dosi di cocaina ad un italiano e al momento dell’arresto l’imputato era stato trovato in possesso di circa 22 grammi di polvere bianca.

Cherkaoui, che era difeso dall’avvocato Camilla Fasciolo, è stato invece assolto (“per non aver commesso il fatto”) dall’accusa di aver nascosto nel febbraio del 2006 quasi due chili di hashish sotto ad un tronco nella zona di Ortovero: ad accusarlo di era stato un connazionale, ma nel corso del processo non è emersa nessuna prova rispetto al suo coinvolgimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.