IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto, rubata la bicicletta elettrica “anti-sosta” di un’agente immobiliare

L'agente la teneva parcheggiata davanti alla sua agenzia per impedire che le auto potessero sostare nascondendo le vetrine

Borghetto Santo Spirito. Ladri ancora in azione a Borghetto. Martedì notte alcuni ignoti malviventi hanno portato via una bicicletta elettrica parcheggiata in una traversa di via Ticino. Il mezzo era di proprietà di un’agente immobiliare, che lo ha lasciato in sosta proprio davanti alla sede della propria attività.

“Martedì sera ho chiuso l’agenzia intorno alle 19 e a quell’ora la bicicletta era ancora dove l’avevo lasciata – spiega la professionista – Quel giorno sono tornata a casa in auto, quindi la bici è rimasta parcheggiata in strada. Quando il giorno dopo sono tornata al lavoro, ho notato che mancava”.

I ladri, però, hanno avuto una bella sorpresa: “Si trattava del regalo di un mio cliente. Mancava la batteria e non funzionava, quindi non la utilizzavo per spostarmi”.

La bici, quindi, era in strada per un altro motivo: “La tenevo parcheggiata davanti all’agenzia per evitare che gli automobilisti lasciassero le loro auto davanti alle mie vetrine bloccando la visuale dei miei annunci”.

In zona il problema della sosta è piuttosto sentito: “La strada è corta e stretta e ci sono molti appartamenti, quindi a volte la sosta è molto caotica: spesso le auto finiscono per parcheggiare dove non devono, come ad esempio sugli spazi riservati ai motorini come quelli che ho davanti all’agenzia. Nonostante le mie molte domande non sono mai riuscita ad ottenere dal Comune o dalla polizia municipale le autorizzazioni per posizionare qualche fioriera o qualche ‘panettone’ che tenesse lontani i veicoli, così mi sono dovuta ingegnare”.

Il furto della bici “anti-sosta”, quindi, somma la beffa al danno: “Non usandola per spostarmi, non sento la sua mancanza da quel punto di vista. Mi era più utile come dissuasore, piuttosto che non come mezzo di trasporto. Ora, senza la bici elettrica, le auto hanno ripreso a parcheggiare davanti alle mie vetrine e io sono tornata ad essere invisibile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.