IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borghetto, il municipio chiude al martedì: i cittadini “restano fuori”

Dopo aver raggiunto il municipio moltissimi cittadini se ne sono dovuti andare a mani vuote

Borghetto Santo Spirito. Una porta chiusa. E’ quella che questa mattina si sono trovati davanti i tanti cittadini di Borghetto che si sono recati al municipio di piazza Italia con la necessità di espletare una pratica burocratica o dialogare con qualche funzionario o amministratore.

Al martedì gli uffici del Comune sono sempre stati (ufficialmente) chiusi al pubblico, ma per motivi diversi tale chiusura non è mai seguita in maniera rigorosa. Da ieri, però, le cose sono cambiate e quindi d’ora in poi tutti i martedì le porte del palazzo comunale saranno sbarrate.

“E’ stata una scelta tecnica della segretaria generale e degli uffici – fanno sapere dal Comune di Borghetto – A livello pratico non cambia un granché: quando gli uffici sono aperti al pubblico, le porte restano aperte. Quando sono chiusi, le porte restano chiuse. Ovviamente se qualche cittadino ha un appuntamento con un caposervizio o un amministratore può farsi aprire dal personale di portineria”.

Ben pochi dei borghettini, però, erano a conoscenza di questa novità e così questa mattina nel piazzale davanti alla sede del Comune si è registrato un po’ di caos, con moltissimi cittadini che, dopo aver raggiunto l’edificio, se ne sono dovuti andare a mani vuote.

Questa mancanza di comunicazione non è piaciuta in particolar modo al consigliere di minoranza della lista civica “Lega per Borghetto” Pier Paolo Villa, che osserva: “In tanti, stamattina, si sono rivolti a me per conoscere le motivazioni per cui il municipio era chiuso. Purtroppo non sono stato in grado di fornire alcuna spiegazione perché nemmeno io ero a conoscenza di questa novità”.

“Posso anche condividere l’idea di fondo e cioè tenere chiuso il comune quando sono chiusi gli uffici – concede Villa – ma avrei gradito una maggiore comunicazione da parte dell’amministrazione. Sia nei confronti della cittadinanza, ma anche e soprattutto nei confronti di noi consiglieri di minoranza, che fino a prova contraria rappresentiamo una fetta di borghettini e siamo tra i primi interlocutori della popolazione per ogni necessità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.