IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arrestati per tentato furto ad Albenga, ma subito liberati: salvati da un “cavillo” giuridico

A due fratelli era stato contestato di aver forzato la serranda del negozio che invece era già aperta: non c'erano quindi i presupposti per le manette

Più informazioni su

Albenga. Sono stati arrestati nella tarda serata di ieri con l’accusa di tentato furto aggravato, ma, dopo una notte in camera di sicurezza, questa mattina due fratelli albenganesi sono stati rimessi in libertà perché il loro arresto non è stato convalidato.

Nel corso del processo per direttissima celebrato oggi in tribunale è infatti emerso che che i due, Alessandro e Massimo F., di 34 e 42 anni, non avrebbero forzato la serranda di un negozio di arredamenti di via dei Mille, ma si sarebbero limitati ad entrare nel negozio trovandola aperta. Un particolare che, dal punto di vista giuridico, ha cambiato radicalmente il tipo di contestazione per gli imputati e ha fatto venire meno i presupposti per l’arresto.

In assenza di aggravante, il reato da contestare è quello di tentato furto semplice per il quale non è previsto l’arresto. Di qui la scelta del giudice Francesco Giannone di non convalidare l’arresto e di rimettere in libertà i due fratelli, entrambi con precedenti e disoccupati.

Nel corso dell’udienza di convalida, Alessandro e Massimo F. hanno comunque negato di essere entrati nel negozio per rubare: “Eravamo usciti per fare un bancomat e abbiamo visto quella serranda alzata e mio fratello è entrato per guardare dentro al locale” ha spiegato uno di loro. Proprio in quel momento, sempre secondo il racconto dei fratelli, è arrivata una pattuglia dei carabinieri che li ha fermati.

I militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Albenga, effettuati i primi accertamenti, non hanno avuto dubbi sulle intenzioni dei due uomini e quindi li hanno arrestati. Addosso a uno dei due fratelli tra l’altro è stato trovato anche un coltellino. Il processo, salvo che gli imputati non contestino le imputazioni, riprenderà il prossimo 4 febbraio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da hadrianus

    Grazie alle ns.FERREE LEGGI ED ALLA BONTA’ DELLA MAGISTRATURA,questi due ONESTI CITTADINI AVRANNO TEMPO DI CURIOSARE, PER CASO , IN QUALCHE ALTRO NEGOZIO LA DOVE SBADATAMENTE IL PROPRIETARIO AVRA’ DIMENTICATA APERTA LA PORTA.
    Finiamola per favore con queste commedie !

  2. Scritto da pino11

    poverini si preoccupavano solo per la sicurezza del locale ed eventuali ladroni!!! ww italia ww la magistratura

  3. Scritto da ingalera

    Questa è stupenda!!!
    Quindi se trovo una gioielleria con la porta aperta posso entrare e tentare di riempirmi le tasche, intanto poi dichiaro che la porta era aperta e sono a posto!!
    AHAHAHAH