IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, faccia a faccia tra Comune e vigili per i compensi. Cangiano: “Equivoci chiariti”

Due le criticità individuate: le indennità di turno e per la reperibilità

Albenga. Si è concluso “molto positivamente” (per ammissione dello stesso sindaco) l’incontro di questa mattina tra l’amministrazione comunale di Albenga e i rappresentanti e i delegati sindacali della polizia municipale ingauna. Al centro della discussione il “caso” riguardante la mini-manovra economica messa in atto dalla giunta e riguardante le risorse finanziaria messe a disposizione per coprire i turni, gli straordinari e le reperibilità.

Qualche giorno fa si era sparsa la voce che tra gli agenti fosse in corso un vero e proprio ammutinamento, con decine di vigili pronti a presentare richieste di mobilità verso altri comandi in segno di protesta per la decisione ventilata di tagliare i compensi per le indennità di turno e le reperibilità.

Il comandante Luigi Soro e il sindaco Giorgio Cangiano avevano subito dato la loro disponibilità ad incontrare gli uomini per spiegare loro come stavano le cose (e soprattutto per chiarire che non ci sarebbe stato alcun taglio alle risorse), ma i sindacati avevano preferito rimandare il vertice. Che si è tenuto questa mattina.

“L’incontro è andato molto bene – spiega Cangiano – Abbiamo avuto modo di chiarire definitivamente tutti gli equivoci che si erano generati a seguito della delibera che stabiliva la redistribuzione dei fondi”.

Due le criticità individuate: le indennità di turno e per la reperibilità. “Per quanto riguarda la prima questione – spiega Cangiano – abbiamo spiegato agli agenti che a perdere l’indennità sarà solo chi non vorrà effettuare la turnazione. Al contrario, chi vorrà rispettare la turnazione beneficerà delle indennità così come è sempre stato. L’avvicendamento tra gli uomini, comunque, verrà stabilito ed effettuato in base alle esigenze di servizio e agli incarichi specifici di ciascuno, perciò sarà possibile che non tutti svolgano la stessa quantità di servizi. In generale, però, le cose non ci saranno tagli di alcun tipo”.

polizia municipale albenga - centrale operativa

Capitolo reperibilità: “Il comandante e i commissari – precisa Cangiano – sono titolari di posizione organizzativa e perciò già ricevono un compenso forfettario per la reperibilità. Con la delibera, la giunta ha deciso di chiedere la reperibilità prima di tutto ai vertici del comando e soltanto in seconda battuta agli agenti. Questo ci consentirà di ridurre i costi per questo genere di straordinario e di riassegnare i fondi agli stessi agenti”.

Gli agenti e i delegati sindacali hanno accolto le spiegazioni dell’amministrazione comunale con favore e pertanto le acque paiono destinate a calmarsi tra le fila degli agenti della polizia municipale di Albenga. “A breve – chiosa Cangiano – procederemo ridefinendo gli aspetti della delibera che hanno scatenato le proteste del corpo, in modo che il documento sia il più possibile chiaro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gpiccone

    sono contento, ma ora qualcuno può fare in modo che dove TUTTI noi cantonieri ci cambiamo si possa avere almeno 18 gradi? siamo in più di 20 carta igienica quando si ricordano, sapone lavamani contro ogni legge sull’igiene saponetta, temperatura massima 13 gradi docce che ne va 1 su 3 e i capi stanno zitti per paura di perdere quel poco potere assegnato