IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Adeguamenti alla normativa antincendio: Federalberghi chiede proroga al Governo

L'idea è di regolarizzare la situazione con un emendamento al decreto "milleproroghe"

Savona. Federalberghi si aggrappa al decreto “Milleproroghe” per riuscire a riaprire i termine per gli adeguamenti alla normativa antincendio. L’associazione ha infatti chiesto al Governo “di riaprire il termine per il completamento degli adeguamenti antincendio, scaduto lo scorso 31 ottobre 2015, consentendo così alle imprese alberghiere di mettersi in regola entro il prossimo 31 dicembre 2016, se dotate dei requisiti minimi di sicurezza prescritti dal decreto del Ministro dell’interno 16 marzo 2012”.

Secondo Federalberghi la soluzione potrebbe essere un emendamento al decreto attualmente in esame nelle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera: “In considerazione dell’importanza dell’argomento, anche questa associazione provinciale ha supportato l’azione della Federazione nazionale, chiedendo ai parlamentari eletti sul territorio di presentare l’emendamento e di promuoverne l’approvazione” spiegano da Federalberghi Savona.

“Molte imprese alberghiere, a causa del perdurare della grave crisi economica e della conseguente stretta creditizia, non hanno potuto completare l’adeguamento alla normativa antincendio entro i termini previsti e numerose sono state costrette a sospendere e rallentare l’esecuzione dei lavori già avviati in attesa di conoscere i contenuti del provvedimento di semplificazione delle prescrizioni tecniche, che il Ministero, in attuazione di quanto disposto dall’articolo 11 del decreto legge n. 150 del 2013, avrebbe dovuto emanare entro il 30 aprile 2014” spiega il presidente dell’associazione Andrea Valle.

“Il provvedimento di semplificazione è stato approvato con il decreto del 14 luglio 2015, entrato in vigore il 23 agosto 2015 a ridosso della scadenza del termine per gli adeguamenti. Inoltre, il campo di applicazione del provvedimento è stato limitato alle strutture da 25 a 50 posti letto, nonostante la delega parlamentare non contenesse tale limitazione. La semplificazione delle prescrizioni tecniche sono state inutilmente attese, rallentando i lavori di adeguamento, anche dalle strutture con più di 50 posti letto, che, sulla base della delega parlamentare, avrebbero dovuto essere ricomprese nel campo di applicazione del nuovo decreto”.

“In questo periodo, è in corso di approvazione anche la nuova regola tecnica verticale per le strutture turistico ricettive, che renderà disponibili, anche per le aziende con più di cinquanta posti letto, soluzioni alternative alla vigente regola tecnica. Federalberghi ritiene pertanto indispensabile riaprire i termini, consentendo così alle imprese alberghiere di mettersi in regola entro il prossimo 31 dicembre 2016, se dotate dei requisiti minimi di sicurezza prescritti dal decreto del Ministro dell’interno 16 marzo 2012” conclude Valle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.