IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vigili del Fuoco contro la chiusura di Savona: incontro con il sindaco Berruti

Savona. Un incontro con il sindaco di Savona, Federico Berruti, martedì alle 11.30 per dire no alla chiusura del Comando dei Vigili del Fuoco di Savona. Ad organizzarlo l’Unione Sindacale di Base: “Come organizzazione abbiamo l’obbligo di denunciare un sistema che sta implodendo – spiegano – dove il Soccorso è visto, dalla burocrazia, come un fastidioso danno alle casse erariali dello Stato. Un sistema di precarizzazione e privatizzazione che abbassa tutti i livelli di salvaguardia confermato da una riorganizzazione del Ministero dell’Interno (riforma Madia del 31 giugno) con la conseguente eliminazione del Comando di Savona. Una notizia che vede la stragrande maggioranza dei sindacati ‘gialli’ complici dello smantellamento del Corpo nazionale mediante il Riordino (mascherato come un bene e imposto come taglio di spesa pubblica)”.

“Dal 2016 tutto questo sarà attuato, con conseguenze disastrose per i lavoratori e per i cittadini – tuonano – Il taglio colpirà un sistema già precario, in sovraccarico di lavoro con più di 5000 interventi all’anno, dove circa 30 Vigili del Fuoco sono presenti ogni giorno su un territorio di 1545kmq e 282607 abitanti con una media di soccorritore/cittadino di 1/9420. Questi dati fanno rabbrividire e suscitano un ansia che esprime l’impossibilità nello svolgere un servizio efficiente”.

“La chiusura della Prefettura di Savona – avvertono – determinerà in prima battuta la scomparsa del Comando ed una trasformazione dello stesso in ‘polo di serie B’, con il conseguente esodo di tutti i lavoratori. Questo è inaccettabile ma è la realtà, che va combattuta non solo dai lavoratori, ma anche dai cittadini che ne subiranno le conseguenze”.

“La trasformazione del mercato del lavoro modifica la nostra vita e ci impone delle riflessioni sul nostro futuro – concludono – Non possiamo rimanere inermi davanti alla cancellazione delle nostre prospettive di vita. Il diritto alla salute, all’istruzione e alla salvaguardia devono essere difesi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.