IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Toirano, tentano di uscire senza pagare e minacciano una cassiera del Conad: intervento dei carabinieri fotogallery

Movimentato episodio nel supermercato di località Canepari

Toirano. Si sono riempiti il trolley di bottiglie di alcolici e hanno tentato di superare la barriera delle casse affermando di essere “persone pericolose e armate”. Ma per fortuna a fermarli ci hanno pensato i carabinieri, intervenuti prontamente sul posto.

E’ questa la dinamica dell’episodio avvenuto nel primo pomeriggio di oggi al Conad di località Canepari a Toirano. Protagonisti tre marocchini che, secondo quanto riferito, hanno riempito un trolley di bottiglie di alcolici e champagne di pregio e poi si sono avviati verso le casse.

Mentre un primo passava senza pagare, un secondo (che ha finto di non conoscere il primo) ha intimato alla cassiera di non provare neanche a fermarlo in quanto “non era cosa saggia, non si sa mai abbia un coltello addosso”.
Un terzo complice, in attesa fuori dal supermercato, ha preso in consegna la merce ed è fuggito.

Alcune persone presenti che hanno assistito alla scena hanno chiesto l’intervento di militari, che sono subito accorsi sul posto con tre auto.

Una pattuglia del nucleo radiomobile ha fermato il fuggitivo a poche centinaia di metri, nei pressi di un autolavaggio. Gli altri due sono stati bloccati subito fuori il supermercato di via dell’Innovazione da una pattuglia dei carabinieri di Borghetto.

Sottoposto da perquisizione, dalla tasca di uno dei marocchini è saltato fuori un coltello. Per fortuna, però, l’arma non è mai stata puntata contro la cassiera, che se l’è cavata soltanto con un grande spavento.

I tre sono stati arrestati: si tratta di L.M., 33 del Marocco, O.A., connazionale di 29 anni, pregiudicati e regolari sul territorio italiano, in compagnia di B.A., marocchino nato nel 1968 pregiudicato e irregolare sul territorio nazionale. Domani risponderanno del reato di furto aggravato in concorso per rito direttissimo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.