IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona superato in casa dal Brescia degli ex risultati

L’ex bandiera Bovo, ora allenatore dei bresciani, Damonte e Rizzo piegano la resistenza dei savonesi. Tripletta inutile di Sadovyy, la partita si decide nel secondo quarto

Savona. La Carisa Savona non riesce a dare continuità ai propri risultati e viene sconfitta dall’A.N. Brescia 7-10 fra le mura amiche. Torna alla “Zanelli” Alessandro Bovo, bandiera della pallanuoto savonese, ma ora sulla panca lombarda, che si rivela fatale per i padroni di casa.

Partita combattuta che ha visto protagonisti i due numeri “12” Sadovyy da un lato e Napolitano dall’altro, autori di tre reti a testa, ma anche perché fra le file bresciane si sono visti due ex eccellenti: Damonte e Rizzo. Il secondo non si è fatto intenerire dai bei ricordi in calottina biancorossa ed ha aperto le marcature su rigore dopo poco meno di tre minuti. La reazione dei locali arriva a metà tempo con Sadovyy che pareggia i conti.

Brescia cinico e poco dopo di nuovo in vantaggio con Napolitano che sfrutta la superiorità numerica e sigla l’1-2 con cui le due squadre chiudono la prima frazione. La partita si decide nel secondo quarto con la Carisa che pareggia in superiorità con Bianco, ma viene prima raggiunto da Nora, poi è ancora l’ex Rizzo, nato e cresciuto nella società biancorossa, che fa doppietta e riporta avanti il Brescia. A 38 secondi dal termine Bertoli va ancora a segno e sigla il massimo vantaggio(+3), che rimarrà invariato.

Savona che sbanda nel terzo quarto subisce altre sude reti da Presciutti e Napolitano che portano il parziale sul 2-7, ma prima Milakovic, poi Sadovyy in superiorità accorciano i conti. La partita si conclude con i bresciani in controllo e i savonesi che cercano il tutto per tutto, ma si espongono e si innervosiscono e dopo due minuti ancora Napolitano supera Antona sfruttando la superiorità numerica. La risposta p di Sadovyy, ma la stanchezza si fa sentire e la rimonta non riesce.

Permane invece un equilibrio fatto di botta e risposta. Randelovic per il Brescia a cui risponde Colombo, ma è ancora il giocatore bresciano ad andare a segno. Nel finale Milakovic realizza un rigore che rende meno ampio il divario.

“Non esistono belle sconfitte, ma esistono brutte vittorie, questa di oggi resta una sconfitta”, sono le parole di Alberto Angelini allenatore del Carisa: “ Speriamo di recuperare uno o due giocatori tra coloro che si sono infortunati per la trasferta di Roma. Questa squadra ha tanto orgoglio, voglia e ambizione per rendere la vita difficile a tutti specialmente a casa”.

CARISA R.N. SAVONA – A.N. BRESCIA      7 – 10

Parziali (1 – 2) (1 – 3) (2 – 2) (3 – 3)

TABELLINO

Formazioni

CARISA R.N. SAVONA: Antona, Tabbiani, Pesenti, Colombo J. 1, Bianco L. 1, Cesini, Mistrangelo, Milakovic 2, Bianco G., Piombo, Mensi, Sadovyy 3, Missiroli.

Allenatore Alberto Angelini.

A.N. BRESCIA: Del Lungo M., Guerrato, Presciutti C. 1, Randelovic 2, Molina Rios, Rizzo 2 (di cui 1 su rigore), Damonte, Nora A. 1, Presciutti N., Bertoli 1, Ubovic, Napolitano 3, Dian.

Allenatore Alessandro Bovo.

Arbitri: Gianluca Centineo di Palermo e Alessandro Severo di Roma.

Superiorità numeriche:

CARISA R.N. SAVONA: 4 / 7 + 1 rigore realizzato.

A.N. BRESCIA: 6 / 11+ 2 rigori di cui 1 realizzato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.