IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, niente lezioni al sabato per il Liceo “Chiabrera-Martini”

Troppo "salato" secondo il consiglio d'istituto il conto presentato dalla Provincia per le spese di riscaldamento della giornata "extra"

Savona. Niente lezioni al sabato per il liceo Chiabrera-Martini di Savona. Dopo mesi di “battaglia” per poter mantenere l’orario di lezione spalmato su sei giorni settimanali, il consiglio d’istituto ha alzato bandiera bianca davanti al conto presentato da Palazzo Nervi sulla spesa “extra” per il riscaldamento al sabato.

Secondo il calcolo della Provincia il liceo avrebbe dovuto pagare 7447 euro per mantenere accesi i termosifoni anche al sabato. Una richiesta che, come spiega il preside Alfonso Gargano “il Consiglio d’Istituto ha ritenuto “inammissibile”.

“L’Atto di Transazione proposto dalla Provincia si palesa come violenza inaccettabile, alla quale è necessario reagire onde evitare di legittimare la violenza stessa” ha proseguito il dirigente che ha precisato: “Visti i recenti atteggiamenti di chiusura ad ogni possibilità di accordo, nonostante in più occasioni si sia tentato un dialogo collaborativo con l’ente provinciale al fine di esporre le esigenze didattico-organizzative a sostegno di un orario settimanale in 6 giorni è stato fatto un passo indietro”.

Il preside Gargano ci tiene però a fare alcune precisazioni: “La scuola non ha difeso tale posizione con la volontà di contrapporsi alla necessità dell’amministrazione provinciale di ridurre il consumo di carburante, ma nella convinzione che fosse la migliore opportunità per garantire a tutti gli studenti tempi adeguati ad uno studio sereno e produttivo”.

“Vista la decisione dell’Ente di non erogare il servizio di riscaldamento al sabato, determinata dalla mancata sottoscrizione dell’atto da parte della Scuola, il Consiglio d’Istituto, a tutela della salute e del benessere degli studenti ha ritenuto inevitabile deliberare la riorganizzazione dell’orario delle lezioni in giorni (da lunedì a venerdì) a partire dalla prima settimana di novembre fatto salvo il ripristino dell’orario attualmente in vigore a seguito del pronunciamento in merito del TAR, previsto per fine gennaio 2016” conclude Gargano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.