IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Raptus di follia a Varazze: “Riccardo preso per il collo e colpito alla testa”, il 44enne ancora in coma fotogallery

Il racconto del titolare del bar "La Beffa" dove Riccardo Cinco aveva trascorso la serata. Ore contate per l'aggressore, un albanese di 23 anni

Varazze. “Riccardo dopo la festa stava andando a prendere l’auto per portare a casa la famiglia. Una Mercedes lo stava investendo proprio sull’attraversamento pedonale, probabilmente lui gli ha detto qualcosa (e vorrei vedere…), così uno dei passeggeri (l’albanese di 23 anni identificato dalla polizia) è sceso, lo ha preso per il collo e gli ha dato un forte pugno alla testa, scaraventandolo a terra. Gli amici hanno poi spinto in macchina l’aggressore e sono fuggiti a tutta velocità”. Questo il racconto di Giuseppe Baglietto, titolare del bar “La Beffa”, in via Torino a Varazze, sulla feroce aggressione ai danni di Riccardo Cinco, 44 anni, elettricista navale, ora ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure: le sue condizioni restano stazionarie dopo il delicato intervento chirurgico di ieri, resta in coma farmacologico.

“Riccardo è rimasto riverso a terra privo di sensi, sanguinante. È successo tutto molto rapidamente e i ragazzi più vicini sono rimasti talmente basiti che non sono intervenuti, fortunatamente hanno riconosciuto l’aggressore e preso il numero di targa dell’auto” aggiunge Giuseppe Baglietto.

“Riccardo aveva un boccale da litro come souvenir della festa in mano e quando ha visto il giovane che gli si scagliava addosso lo ha posato su un tavolo: Riccardo è una persona pacifica e non avrebbe mai voluto far male a qualcuno, ne tanto meno litigare per una questione di viabilità” conclude.

Dopo l’identificazione da parte della Squadra Mobile della Questura di Savona, ore contante per il 23enne albanese ricercato dalla polizia: al momento rischia la pesante accusa di lesioni gravissime.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lunar83

    Hai ragione ma io suggerirei “decreto di espulsione immediato”. perché le nostre carceri esplodono, e non abbiamo bisogno anche di loro a contribuire all’affollamento .Come mai negli Stati Uniti se sei beccato a delinquere ,ti mettono loro sul primo aereo di sola andata ? E così in altri paesi molto più avanti del nostro. Io ad esempio ne prenderei una dico solo una di queste macchine di grossa cilindrata stipata di albanesi che girano o meglio sfrecciano in pieno giorno, li controllerei un po’… state sicuri che qualche furtarello,spaccio o rissa nel curriculum salta fuori… Dopodiché FUORI.E se questo è razzismo fatemi il piacere, ce ne sono già tanti di delinquenti ITALIANI che girano io la feccia dell’oltre Adriatico non la voglio.Ho detto la feccia, non chi lavora in regola.

  2. Scritto da CieloMare

    Purtroppo sempre così con gli albanesi. Dagli anni ’90 in poi con la loro emigrazione in massa in Italia, si son resi protagonisti di migliaia e migliaia di crimini e soprusi di ogni tipo verso i cittadini contribuenti italiani. Ovviamente il tutto in maniera pressochè impunità visto che nell’Italia fortemente di sinistra tutto è lecito se uno straniero fa qualsiasi cosa sul suolo italiano, quindi la Rossa Italia un pò si merita tutto ciò. La cosa importante è soltanto che il cittadino italiano paghi le tasse e poi venga soverchiato quotidianamente (derubato, rapinato, ecc. ecc.) e spesso ucciso.

  3. F.Nietzsche
    Scritto da F.Nietzsche

    Ma pesante accusa dove??? Ma se sta in carcere una giornata è già molto..!

  4. Carlo M.
    Scritto da Carlo M.

    Nella sostanza non rischia praticamente nulla tranne sia pluripregiudicato.

  5. Scritto da SalvaB

    Il problema sta proprio nella frase “al momento RISCHIA la pesante accusa di lesioni gravissime”…
    Ma come rischia?! Oramai in questa nazione che non vale nulla, chi delinque sa che non rischia nulla!
    La soluzione? Un bel carcere in ogni provincia e LA CERTEZZA DELLA PENA a tutti i livelli! Alcuni dicono che le spese sarebbero alte? Cazzate! Tutto si compenserebbe con la diminuzione enorme dei costi sociali e l’indotto positivo creato dal ritrovarsi in uno Stato migliore…

    1. F.Nietzsche
      Scritto da F.Nietzsche

      SalvaB più di mezza Italia la pensa come te (me compreso)..la mezza Italia che non conta niente.