IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presunti maltrattamenti a un cane a Loano, gli animalisti: “Ecco come sta Athena” fotogallery

L’associazione “Noi Animali Onlus” nei giorni scorsi ha fatto visita all’animale e alla sua padrona

Loano. Non accenna a placarsi la querelle tra associazioni animaliste a proposito di Athena, il cane di Loano che è stato oggetto di una segnalazione da parte di Enpa per presunti maltrattamenti. A intervenire stavolta è l’associazione “Noi Animali Onlus” con sede a Boissano, che nei giorni scorsi ha fatto visita all’animale e alla sua padrona.

“Eccola Athena – dicono gli animalisti boissanesi mostrando le foto del cane – Ha un anno di vita e l’energia e la forza di un leone. E’ impossibile tenerla ferma anche soltanto per fare qualche scatto. Pesa 25 chili e il suo torace è grosso come il bacino della padrona. Il pelo è nero e lucidissimo e bello folto. Non ci sembra proprio quello di un cane maltrattato, che ha vissuto per un estate torrida in un lurido recinto, senza riparo, senza acqua né cibo e con solo un po’ di pane secco per la pietà dei vicini”.

A stabilire il reale stato di salute di Athena è anche il certificato redatto da un veterinario di Calice Ligure: “E’ un medico di provata esperienza e di sicuro sa riconoscere un cane che ha subito maltrattamenti”, chiosano gli animalisti.

“Atena non ha mai vissuto in quel recinto – ribadiscono da “Noi Animali Onlus” – Restava lì solo qualche ora, mentre i padroni erano impegnati nella pizzeria confinante col recinto. Solo da settembre il recinto in questione era un ingombro di materiali a causa del fatto che la proprietaria stava chiudendo l’attività. In uno dei rari momenti in cui la padrona si è allontanata per commissioni, c’è stato chi ha chiamato le guardie zoofile di Enpa, che stranamente sono state molto celeri, e ha permesso di fotografare il cane violando la proprietà privata e gettando dentro al terreno pane secco che Atena non mangia affatto”.

Athena, il cane

Per “Noi Animali” i loro colleghi potevano agire diversamente: “Non conoscendo la situazione e non sapendo che la proprietaria stava dismettendo la propria attività, le guardie zoofile avrebbero potuto constatare una situazione di ‘malgoverno’, che è ben differente dal maltrattamento animale. E in ogni caso, potevano attendere il ritorno della padrona per contestarle il reato. Avrebbe spiegato la situazione e avrebbero potuto constatare da vicino, con i loro occhi e le loro mani, lo stato di ‘’denutrizione e maltrattamento’ del cane, valutandone la possanza muscolare e la morbidezza e lucentezza del pelo”.

athena cane maltrattato

La situazione è tutt’altro che chiusa: “La padrona si sta muovendo dal punto di vista legale nei confronti di chi si è permesso di aprire la sua proprietà sia con chi si è permesso di diffamarla in questo modo così vile”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack667

    Brava Signora!!