IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Poste, il Movimento Consumatori: “Con la quotazione in Borsa risarcire i risparmiatori”

Continua la battaglia dopo la sentenza che ha condannato Poste Italiane per la vicenda degli interessi negati dai buoni fruttiferi

Savona. Il Movimento Consumatori di Savona ha illustrato la sentenza con la quale il giudice di pace ha condannato Poste Italiane al risarcimento di 22 risparmiatori per la vicenda degli interessi sui buoni fruttiferi. E ha parlato delle iniziative future dell’associazione.

Buoni Fruttiferi postali

Così il legale Alessandra Gemelli, che ha condotto la battaglia legale del movimento savonese: “Abbiamo raggiunto un ottimo risultato e non era scontato. Ora dobbiamo andare avanti nella battaglia: la sentenza ha sposato la nostra linea difensiva, molto dettagliata e approfondita. Importante, inoltre, l’aver stabilito che la differenza sugli interessi è dovuta ai consumatori e quanti hanno investito i loro risparmi nei buoni fruttiferi”.

“Poste Italiane continua a far riferimento ad una interpretazione di una sentenza della Corte Costituzionale del 2007 dai contenuti opposti rispetto a quella del giudice di pace. Invece, il decreto ministeriale non può essere applicato retroattivamente” aggiunge l’avvocato. A causa del decreto ministeriale del 1986 del Governo Goria, infatti, i risparmiatori si erano visti abbassare i tassi di interesse dei loro buoni fruttiferi.

“Stiamo cercando di mettere in campo la nostra forza per cercare di convincere la politica a fare un passo importante: è stata una ingiustizia nei confronti di tanti risparmiatori – aggiunge Roberto De Cia, presidente del movimento savonese -. Chiederemo ai parlamentari savonesi e a quelli italiani affinchè Poste Italiane possa attingere dal salvadanaio acquisito con la quotazione in Borsa, 3,2 mld e 200 mln di euro, per risarcire le famiglie che hanno subito la clamorosa beffa: si parla di poco più di 80 mln di euro. Ma al di là dei soldi è un fatto di giustizia e per questo proseguiremo la nostra battaglia legale e politica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Si, come no!!

    E con l’aumento dei francobolli da 0.80 a 0.95 (quasi un 20% !!!) che ci fate??

    Velocizzate i servizi e svegliate il personale!!

    1. Scritto da alvaro felici

      Ma certo!

      Roy notizie di Rey?…che è già un po’ che non si sente…
      Tutto OK a casa vero?

      Un Abbraccio
      Arvaro
      (L’Interessato)
      cor cervello de gallina