IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, le “Lady Chef” donano un video proiettore all’unità spinale del Santa Corona

Gli chef in rosa della Federazione Italiana Cuochi hanno raccolto i fondi durante Dolcissima Pietra

Pietra Ligure. E’ stato consegnato questa mattina il video proiettore che le “Lady Chef” della sezione savonese della Federazione Italiana Cuochi hanno deciso di donare all’Unità Spinale Unipolare del Santa Corona di Pietra Ligure.

Cuochi donazione Unità Spinale Santa Corona

L’apparecchio è di ultima generazione ed è in grado di proiettare film e video caricati su diversi supporti e sarà utilizzato per “allietare” le serate degli ospiti della struttura. I fondi per l’acquisto sono stati raccolti dalle “Lady Chef” durante la scorsa edizione di “Dolcissima Pietra”, manifestazione dolciaria che ha visto le cuoche esibirsi in dimostrazioni e prove di abilità culinaria in uno stand allestito appositamente.

L’iniziativa è partita dalla chef Grazia Polletti, che spiega: “L’Usu del Santa Corona è un fiore all’occhiello della sanità del nostro territorio. Noi abbiamo voluto contribuire con questa piccola donazione che speriamo possa essere utile tanto ai pazienti quanto al personale. Il momento è difficile, ma noi ci abbiamo voluto provare lo stesso”.

Il dirigente della struttura, Antonino Massone, ha accettato la donazione con gratitudine: “Ringrazio le chef a nome di tutto il reparto e gli ospiti. Questo proiettore sarà molto utile sia ai pazienti che al nostro personale, che lo potrà utilizzare anche durante i momenti di formazione”.

Cuochi donazione Unità Spinale Santa Corona

Porteremo questo risultato al congresso nazionale che si terrà a Firenze dall’8 all’11 novembre – chiosa il responsabile regionale della Federazione Stefano Beltrame – Si tratta di un appuntamento molto importante, perché attraverso i gruppi regionali la Fic mette a disposizione uno spazio in cui esporre gratuitamente tutte le eccellenze liguri. Anzi, invitiamo le aziende a contattarci. Siamo una delle regioni che ha più ricette certificate, una delle regioni con più presidi slow-food sul territorio e con una forte vocazione alla cucina del territorio, sia di terra che di mare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.